Torta rustica di bietole e ricotta

Tornare a casa la sera e trovare la cena pronta. E’ possibile, basta fare la mattina (o anche il giorno prima) una bella torta rustica. Certo, sempre voi dovete cucinarla, altrimenti sarebbe un miracolo, però almeno non dovete mettervi a cucinare dopo una pesante giornata di lavoro. Io l’ho preparata con il classico ripieno di bietola (potete sostituire la bietola fresca con quella surgelata o con gli spinaci) e ricotta e dentro metto anche pochissima scorza di limone, che dà un tocco più fresco. la sorpresa è che all’interno ci sono sei uova sode, che i commensali si ritroveranno nel piatto! E’ la mia interpretazione, con poche varianti, della tradizionale torta pasqualina. La brisèe è fatta in casa e vi giuro che con la ricetta che trovate nelle ‘basi’ farete la pasta brisèe più buona del mondo, ma potete anche comprala al supermercato. Se vi piacciono le torte rustiche con la ricotta provate anche quella con zucchine ed erba cipollina o gli sformatini con salame e porri.

Ingredienti per una tortiera di 26 centimetri circa di diametro:

  • 250 grammi di pasta brisèe
  • 500 grammi di ricotta di pecora freschissima
  • 800 grammi di bietole o spinaci (vanno benissimo anche surgelati)
  • 50 grammi di pecorino Dop stagionato grattugiato
  • 80 grammi di parmigiano Reggiano Dop grattugiato
  • sale e pepe quanto basta
  • la scorza grattugiata di mezzo limone
  • un uovo intero e un tuorlo
  • 50 grammi di burro
  • due cucchiai di pane grattugiato
  • 6 uova sode

Sciogliere in una padella antiaderente 40 grammi di burro e unire la bietola che, se fresca, dovrà essere lavata e ancora umida. Salare, pepare e rosolare la verdure nel burro, poi coprire e fare cuocere a fuoco basso senza aggiungere acqua soprattutto se si tratta di bietole o spinaci surgelati. Quando la verdura sarà cotta tritarla grossolanamente al coltello, metterla in una ciotola e farla raffreddare qualche minuto. Unire la ricotta, l’uovo intero, il parmigiano, il pecorino, la scorza di limone e mischiare bene il tutto, fino a ottenere un impasto omogeneo. Aggiustare di sale e di pepe. Preriscaldare il forno a 180 gradi statico. Ungere con il burro una tortiera apribile e poi cospargerla con il pane grattugiato. Stendere la pasta brisèe sul fondo, avendo cura di bucherellarlo bene con una forchetta, e poi fare anche un bordo alto 2,5-3 centimetri. Versare nella tortiera uno strato sottile del composto di ricotta e verdura, adagiare le sei uova sode sul fondo a raggiera, vicino ai bordi, e ricoprire con il resto del composto. Decorare la torta rustica con delle strisce di pasta brisèe disposte in modo da formare dei rombi. Spennellare le strisce e il bordo con il tuorlo d’uovo sbattuto e infornare per 30-40 minuti circa: quando la pasta brisèe sarà ben dorata la torta sarà pronta.

L’ABBBINAMENTO:  Con questa torta rustica vi consigliamo la birra “Ortiga“, prodotta dal Birrificio Lambrate. E’ una birra chiara, leggera e piacevole, con aromi agrumati e un finale amarognolo.

Dai una occhiata anche a...

10 comments

SILVIA 27 Settembre 2018 at 08:54

Ciao carissima Ada, curiosavo nel tuo sito (per me uno dei siti “preferiti” da anni ormai, una sicurezza…) perché sabato avrò amici a cena coi quali vorrei condividere una splendida bottarga di tonno di Favignana che aspetta di essere beatificata :-)… dopo il primo con la bottarga, volevo proporre una soluzione semplice e fresca: pensavo ad un’insalata con pomodori olive patate lesse e capperi, e poi una torta rustica..questa con la brisee è perfetta ma vorrei sostituire la ricotta con il gorgonzola (perchè uno degli amici è intollerante al lattosio e il gorgonzola è permesso). Che ne dici ? ci sta come gusto a tuo avviso? Un abbraccio affettuoso e grazie sempre

Reply
Ada Parisi 27 Settembre 2018 at 16:32

Ciao Silvia, secondo me il gorgonzola non può sostituire la ricotta (che è la base del piatto), sia per il gusto (troppo coprente) sia per la quantità, e poi si scioglierebbe e verrebbe tutto pastoso. Te lo sconsiglio. Perché non fai una quiche? Se il tuo amico è intollerante al lattosio puoi usare il formaggio Trenta che non ne contiene e preparare una quiche lorraine oppure una quiche con funghi e parmigiano reggiano. Oppure una quiche al cavolfiore, dove metti solo il parmigiano che non ha lattosio. Fammi sapere cosa decidi di fare, Ada

Reply
Silvia 27 Settembre 2018 at 16:57

Hai sicuramente ragione, devo trovare un’alternativa; le quiche però hanno la panna liquida…che ha lattosio (a meno che non esista la versione senza.. probabile, controllerò al supermercato). Speriamo eventualmente che renda allo stesso modo come gusto e consistenza.
Grazie sempre Silvia

Reply
Ada Parisi 27 Settembre 2018 at 17:04

Ciao Silvia puoi usare panna da cucina senza lattosio o yogurt greco senza lattosio

Reply
sabrina 28 Maggio 2013 at 11:25

Le torte rustiche mi piacciono, sono versatili e spesso un salvacena, mai provato con buccia di limone e proverò, ci sta sicuramente benissimo. Per la brisè farla a casa non c’è paragone, ho provato un paio di volte a comperarla ma per carità….mai più! Prendo la tua ricetta base

Reply
Siciliani creativi in cucina 28 Maggio 2013 at 12:08

Ciao Sabrina! La ricetta della brisèe è di un cuoco francese con tre stelle Michelin, una garanzia! UN bacione!!!!

Reply
adele 27 Maggio 2013 at 12:40

Vero la ricotta siciliana è tutta un’altra cosa…questa torta è a dir poco stupenda…una bella fetta ora ci starebbe proprio bene !

Reply
Tatiana 26 Maggio 2013 at 17:21

si, e’ vero! la torta salata e’ un jolly ma anche un grandissimo piacere. Questa che proponie’ primverile ma allo stesso tempo gustosissima!!! ecco la ricotta di pecora che tanto ami ! ciao Ada!

Reply
conunpocodizucchero.it 26 Maggio 2013 at 09:38

la ricotta di pecora è uno dei mie formaggi morbidi preferiti! e in qst torta ci sta benissimo e contrinuisce a dare que saporino in più specialissimo!
un bacione bella mia adina

Reply
Siciliani creativi in cucina 26 Maggio 2013 at 15:30

Ciao cara!!! Anche a me piace moltissimo la ricotta di pecora: purtroppo sono abituata a quella siciliana, che è tutto un altro sapore, ma mi adeguo…

Reply

Rispondi a Ada Parisi Cancel Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.