Torta di ricotta e zafferano

Torta di ricotta e zafferano: ovvero la torta più facile del mondo. Facile, sofficissima e buona, devo aggiungere. La ricetta non è mia ma di mia suocera, che è sarda, e infatti il sapore di questa torta somiglia molto a quello delle pardulas, i dolcetti tipici dell’Isola fatti proprio con ricotta e zafferano. Il tempo di preparazione di questa torta è imbattibile: meno di 10 minuti. Poi dovete solo infornare e fare cuocere. Io ho usato uno stampo da Gugelhopf, molto coreografico ma poco utile, perché essendo molto profondo allunga i tempi di cottura. Vi suggerisco di usare una normale tortiera da 24-26 centimetri. Ultima qualità di questa torta di ricotta e zafferano, che non ha burro né olio nell’impasto come vedrete dalla ricetta, è che si conserva a lungo, molto a lungo: per una settimana avrete la colazione garantita. Vi consiglio caldamente di provare anche la versione della torta di ricotta al cioccolato e rum, intensa e profumatissima, oppure la torta ricotta e limone glassata. Se preferite, potete glassare la torta di ricotta con una glassa fatta con zucchero a velo e poche gocce di succo di limone, sarà ancora più buona. Buona giornata!

Torta di ricotta e zafferano

TORTA DI RICOTTA E ZAFFERANO (dosi per uno stampo di 24 centimetri)

Print This
PORZIONI: 8 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 300 grammi di farina 00
  • 300 grammi di zucchero semolato
  • 300 grammi di ricotta fresca di pecora
  • 3 uova
  • un cucchiaio di estratto di vaniglia
  • qualche pistillo di zafferano
  • 1 bustina o 16 grammi di lievito in polvere per dolci
  • la scorza grattugiata di una arancia
  • il succo di mezza arancia
  • poco latte per sciogliere lo zafferano
  • un pizzico di sale
  • zucchero a velo per guarnire, quanto basta
  • burro, quanto basta per la tortiera
  • farina, quanto basta per la tortiera

PROCEDIMENTO

Prima di preparare la torta di ricotta e zafferano, preriscaldare il forno a 180 gradi statico. Mettere in una ciotola le uova intere e lo zucchero semolato e montare con le fruste elettriche finché il composto non sarà bianco e spumoso: ci vorranno 10-15 minuti.

Aggiungere la ricotta setacciata o ridotta in crema con una forchetta e continuare a lavorare il composto con le fruste, quindi unire l’estratto di vaniglia, il sale, lo zafferano sciolto in pochissimo latte tiepido, il succo d’arancia e la scorza di arancia grattugiata. Frullare per amalgamare il tutto e aggiungere piano la farina e il lievito setacciati insieme, continuando a frullare fino ad ottenere un impasto omogeneo, denso e senza grumi.

Imburrare e infarinare con cura la tortiera e versarvi l’impasto per la torta di ricotta e zafferano. Cuocere la torta di ricotta in forno già caldo per 35 minuti circa o finché il dolce non è gonfio e dorato. I tempi di cottura dipenderanno molto dallo stampo che userete: più sarà profondo più la torta dovrà cuocere. Sformare il dolce e lasciare raffreddare su una gratella. Una volta fredda, spolverizzate la torta di ricotta e zafferano con un po’ di zucchero a velo oppure glassate la torta di ricotta e zafferano con una glassa spessa fatta con zucchero a velo e poche gocce di limone o di arancia. Buon appetito!

L’ABBINAMENTO: La torta di ricotta e zafferano ricorda nei suoi profumi e sapori il ripieno delle celebri pardulas della Sardegna, e proprio nell’antica isola di Ichnussa (così come veniva chiamata dai Greci) andiamo a pescare un liquore allo zafferano, il Villacidro Murgia, prodotto dalla distilleria Murgia di Villacidro (attiva dal 1882). La sua ricetta è segreta e basata su venti componenti, tra cui anice e radici selvatiche.

Dai una occhiata anche a...

15 comments

rosa 7 Marzo 2018 at 20:48

grazie fatta alcuni anni fa fa . la rifaccio domani per la festa delle donne .

Reply
Ada Parisi 8 Marzo 2018 at 11:17

Ciao Rosa, ottima idea! E buona festa della donna, tutto l’anno però! Ada

Reply
Maria Emma Lozito 14 Gennaio 2017 at 15:26

Ciao!
Posso adoperare una bustina di vanillina è una di zafferano anziché estratto di vaniglia e pistilli di zafferano?
Spero di non aver proposto una bestialità…
Complimenti per il blog e le magnifiche ricette!

Reply
Ada Parisi 14 Gennaio 2017 at 15:34

Ciao Maria Emma! Si che puoi! Per lo zafferano é la stessa cosa, la vanillina sarebbe meglio di no perché é un prodotto chimici ma se proprio non puoi amen! Potresti comunque sostituirla con tanta scorza di limone grattugiata che da un bel profumo agrumato. Grazie a te e fammi sapere!

Reply
Valentina 16 Ottobre 2014 at 09:48 Reply
Siciliani creativi in cucina 16 Ottobre 2014 at 10:32

Valentina ma grazie di cuore! Per avermi dato fiducia e averla rifatta e anche per averla trovata buona! Non sai quanto queste cose mi rendano felice. Ti abbraccio tantissimo, Ada!

Reply
Ale - Ricette Di Cultura 29 Maggio 2014 at 10:20

Ada, questa ricetta è un capolavoro nella sua semplicità. Conosco molto bene il sapore delle “pardulas”, anche se non so accordare l’articolo corretto – forse “sas pardulas” – perchè mia mamma è sarda. Ora sono davvero curiosa di provare questa torta soffice! 🙂

Reply
Siciliani creativi in cucina 29 Maggio 2014 at 17:30

Grazie Ale! Hai detto benissimo: sas pardulas. Io le adoro, sia nella versione con la ricotta sia in quella con il viscidu, il formaggio acido fresco. Provala e fammi sapere!

Reply
Mario 20 Maggio 2014 at 08:45

Ottima ricetta leggera, volevo sapere se si può sostituire l’arancia con il limone.
Grazie

Reply
Siciliani creativi in cucina 20 Maggio 2014 at 09:45

Ciao Mario e benvenuto, certo che puoi usare il limone, io lo faccio spesso. In realtà la puoi personalizzare come preferisci, lo vedrai una volta fatta: è molto versatile. Fammi sapere che ne pensi e, se ti va, posta una foto sulla pagina Fb del blog, mi fa piacere che chi rifà i miei piatti li condivida con me! Buona giornata, Ada

Reply
Antonella 17 Maggio 2014 at 21:00

Che buona!!! Fatta oggi pomeriggio e quasi polverizzata…..arriverà a domani mattina per la colazione? Complimenti per il blog ricette fantastiche.
Fra un mese sarò nella bella sicilia orientale e chissà che meraviglie mangerò quindi ora devo mettermi un po’ a dieta……
Un saluto dal lago di Como.
Ciao Antonella

Reply
luisa 15 Maggio 2014 at 15:36

adoro questa torta.. alta, soffice.. la colazione perfetta con un ottima tazza di caffè.. la devo rifare
baci

Reply
Siciliani creativi in cucina 15 Maggio 2014 at 17:47

Grazie Luisa! Ed è anche abbastanza leggera non avendo burro. E si mantiene a lungo!!!!

Reply
Anna 15 Maggio 2014 at 10:28

Ada carissima,
questa mattina mi hai portata indietro nel tempo. Questa torta la facevo sempre per i miei figli, quando erano piccoli. Io molte volte le facevo nei stampini plumcake, cosi li mangiavano a scuola, dividendoli con i compagni, ed ad alcuni una colata di cioccolato fondente. Una bontà.
Giorni fa mia figlia (24 anni) me le ha richieste. Non ritrovavo la ricetta, ricordavo i 300 g (ricotta-zucchero-farina ). Grazie per avermi portata indietro nel tempo. Questo fine settimana la faccio, torna anche mia figlia.
Buona giornata, con affetto Anna

Reply
Siciliani creativi in cucina 15 Maggio 2014 at 12:19

Ciao Anna! E allora sono contenta! E’ una torta semplice e buona, come quelle di altri tempi e devo ringraziare mia suocera: la sua è squisita e non vedevo l’ora di prepararla. Salutami tua figlia, pensami mentre la mangiate! Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.