Home » Made in Italy. Tenuta Enza La Fauci, tra mare e colline nel cuore del Faro Doc di Messina

Made in Italy. Tenuta Enza La Fauci, tra mare e colline nel cuore del Faro Doc di Messina

by Ada Parisi
5960 views 5 min read

Allargare lo sguardo da Scilla a Stromboli, accarezzati dal vento insistente della Sicilia, sotto un cielo cangiante che al tramonto offre tutta la propria bellezza. Affacciarsi dai vigneti terrazzati della Tenuta Enza La Fauci è prima di tutto un’esperienza paesaggistica. In queste colline, a 300 metri di altezza, nella piccola frazione di Messina-Spartà, nel punto in cui la lunga catena dei Monti Peloritani si tuffa nel Mar Tirreno dando vita a Capo Peloro, si produce uno dei vini più celebri, rari e ricercati di tutta la Sicilia, il Faro di Messina. Per raccontarlo ho scelto una azienda ‘in rosa’, guidata da una donna di grande temperamento e dai grandi occhi chiari: Enza La Fauci.

enza14

 

Una nota di merito anche per il bianco “Incanto”, vino prodotto con le uve della tipologia “Grecanico”, provenienti dal vulcano Etna, a 1.200 metri d’altezza. Un vino di classe, che fermenta e matura per breve tempo in barrique, prima di passare in bottiglia. La coltivazione di questi vigneti è affidata a dei viticoltori locali che forniscono da diversi anni le uve alla cantina di Messina.
enza4

Hai già visto queste ricette?

4 commenti

enza la fauci 8 Marzo 2017 - 09:32

Cara Ada
grazie per le ore trascorse insieme in cantina e per avere dedicato al mio lavoro la tua meravigliosa penna. Amo il tuo modo di scrivere, semplice, diretto, immediato senza giri di parole . Conosci e scrivi su ciò che apprezzi ed ami !
Certamente la “sicilianità ” – che ci accomuna- traspare in quello che fai , nei piatti che proponi e nei colori che scegli : sapori intensi, tinte forti, mai banalita’ e tanta autenticità.
Grazie per il tuo impegno !
Enza La Fauci

Reply
Ada Parisi 9 Marzo 2017 - 11:33

Ciao Enza, il piacere è stato tutto mio. Non avrei mai pensato di scoprire una azienda così interessante a due passi da casa mia, né di ritrovare in un vino quell’uva zibibbo che mangiavo da piccola a Casa bianca. A presto, Ada

Reply
giacomo 28 Settembre 2017 - 13:08

quanti ricordi, quanti profumi, l’uva zibibbo, la vendemmia,il vino come una volta. brava!!! un saluto a te e al mio ex compagno di liceo.

Reply
Ada Parisi 28 Settembre 2017 - 13:41

Ciao Giacomo, grazie e benvenuto. Un caro saluto a te.

Reply

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web. * By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookies di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Ok Read More