Spaghetti alla ‘Turiddu’

Spaghetti alla Turiddu. Un piatto semplice, economico, rapido e gustosissimo che per noi siciliani rappresenta la classica pasta da spaghettata veloce. Il nome è un omaggio al personaggio di ‘compare Turiddu’ nella Cavalleria Rusticana di Mascagni. La preparazione dura davvero un attimo appena e gli ingredienti sono pochissimi, ma è fondamentale avere un buon origano, profumatissimo. Per il resto servono solo pomodori a pezzettoni, olio, peperoncino se vi piace, qualche oliva nera e il gioco è fatto. La pasta alla Turiddu è l’ideale per ospiti improvvisi, anche numerosi, o per una spaghettata di mezzanotte. Io metto il formaggio, a preferenza un pecorino siciliano canestrato Dop, perché ne sono dipendente, ma è un piatto che nasce senza il formaggio grattugiato come condimento. E, se amate i sughi con le olive, provate la ricetta, romanissima e piccantissima, della pasta alla Puttanesca.

PASTA ALLA TURIDDU (ricetta facile siciliana)

Print This
PORZIONI: 4 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 400 grammi di spaghetti
  • 600 grammi di pomodoro a pezzettoni
  • 150 grammi di olive nere in salamoia
  • olio extravergine, quanto basta
  • sale, quanto basta
  • un pizzico di peperoncino
  • un cucchiaino colmo di origano secco
  • qualche foglia di origano fresco
  • pecorino siciliano Dop grattugiato, quanto basta

PROCEDIMENTO

Spaghetti alla Turiddu

La velocissima pasta alla Turiddu si prepara nel tempo esatto di cottura della pasta. Mettere a bollire abbondante acqua salata e nel frattempo preparare il sugo. In una padella antiaderente un filo di olio extravergine, fare scaldare e aggiungere il peperoncino, i pezzettoni di pomodoro e il sale.

Fare cuocere per cinque minuti e intanto denocciolare e tagliare a fettine le olive; aggiungerle al sugo e fare insaporire qualche minuto. Lessare gli spaghetti e scolarli al dente, tenendo da parte mezzo bicchiere di acqua di cottura per mantecare la pasta.

Versare gli spaghetti nella padella con il sugo alla Turiddu e, a fuoco vivace, mantecare utilizzando se necessario un po dell’acqua di cottura. A fuoco spento, aggiungere abbondante origano e, se vi piace, il pecorino grattugiato. Servire immediatamente la pasta alla Turiddu, buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Consigliamo un Ciro’ rosso Doc (100% Gaglioppo) per morbidezza, medio corpo e le delicate note di spezie che vanno a braccetto con l’abbondanza dell’origano, le olive al forno e il sugo rosso.

spaghettiallaturidduLOGO

Dai una occhiata anche a...

15 comments

Carmen 6 Luglio 2014 at 12:03

Ciao! vorrei sapere ma in uesta ricetta l’aglio nn si vuole? Complimenti per le tue ricette!

Reply
Siciliani creativi in cucina 6 Luglio 2014 at 17:18

Ciao Carmen, benvenuta! No l’aglio non ci vorrebbe ma se ti piace mettilo pure, i gusti sono gusti! Grazie di cuore, spero di rivederti qui presto! Ada

Reply
Maurizia LeRicette del Pozzo Bianco 17 Febbraio 2014 at 05:35

Ada….. mi viene fame solo al pensiero ….. alla vista…. i piatti semplici e con ottime materie prime sono sempre i migliori!
Bye
Maurizia

Reply
Siciliani creativi in cucina 17 Febbraio 2014 at 10:31

Ciao Maurizio! Con questo piatto sono cresciuta, le olive nere ‘cunzate’ siciliane, piccantine, lo rendono speciale! Buona settimana!

Reply
Maurizio 16 Gennaio 2014 at 22:09

Ciro’ ?!??! Ah ah ah Penso sia uno scherzo no??? Se proprio dobbiamo fare un contrasto allora mettiamo un muller thurgau o un lambrusco rose’…Sennò diamo a Cesare quel che è di Cesare…piatto siciliano, vino siciliano! Cosa vuol dire del sud… che un molisano è la stessa cosa di un calabrese o che un siciliano è la stessa cosa di un abruzzese??? Mah!?!

Reply
Siciliani creativi in cucina 16 Gennaio 2014 at 22:30

Ciao Maurizio, benvenuto, anche se trovo il tuo tono piuttosto scortese. Noi abbiniamo a ogni piatto un vino che consigliamo con il nostro gusto squisitamente soggettivo, senza pretese di perfezione. Non capisco cosa intendi con ‘cosa vuol dire del sud’. Non abbiamo consigliato un Cirò perché il piatto è del sud, ma perché a nostro parere si abbina bene, come decine di altri vini del sud o meno, a questo piatto. Non abbiamo suggerito un vino siciliano proprio per non fare un abbinamento scontato. A mio parere il Muller Thurgau è troppo fruttato e floreale per un piatto piccante e acido come questo, il Lambrusco rosato potrebbe anche andare, ma è questione di gusti come dicevo prima. Sentiti libero di abbinare il vino che preferisci.

Reply
Maurizio 17 Febbraio 2014 at 11:09

Ciao
Grazie per la gentile attenzione rivoltami. Il mio tono non voleva affatto esser “scortese” e rileggendolo continua a non apparirmi tale. Anzi continuo, come prima specificato a sorridere. Il punto, a mio parere, è che un vino calabrese per un piatto siciliano mi sembra un po fuori luogo (sempre e giustamente considerando che sulla scelta ed il gusto personale nessuno mai può sindacare). Per un eventuale ricerca tecnica sul corretto abbinamento ti rimando al link di cui sotto, che sommariamente enuncia i vari metodi usati dalle Associazioni dei Sommelier Italiani ma che sommariamente conclude dicendo che l’abbinamento cosi detto locale “in genere è sempre quello che riesce meglio, ovvero abbinare a piatti tradizionali i vini prodotti nella stessa zona”.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/abbinamenti-vino-cibo.html
Copyright © Alimentipedia.it

Reply
Siciliani creativi in cucina 17 Febbraio 2014 at 11:56

Ciao Maurizio. Un piatto di un territorio non deve avere come abbinamento necessariamente un vino dello stesso territorio. Questa è una tesi ammessa anche dagli esperti Ais ed è il principio su cui si basano le carte dei vini dei ristoranti, che spaziano tra tutte le regioni e anche all’estero in abbinamento ai propri piatti. Del resto, dici bene tu: sulla scelta ed il gusto personale nessuno mai può sindacare. E noi, infatti, suggeriamo e consigliamo. grazie, Ada

Reply
Jodi Hall 24 Maggio 2013 at 06:33

Why can’t we get the measurements in American weights and measures? ??

Reply
Siciliani creativi in cucina 24 Maggio 2013 at 11:04

You are right, I know that the measures and weights system is different. Unfortunately translator doesn’t change weight and measures, so I can only, everytime you ask me, try to answer to you making the change. But I’m not so good in mathematic, I have to confess…

Reply
adele 23 Maggio 2013 at 15:22

Ottimo piatto…poi l’abbinamento del nostro Cirò è favoloso !

Reply
Siciliani creativi in cucina 23 Maggio 2013 at 15:53

Si, il Cirò è un vino stupendo, profumato…è del Sud!!!! Un abbraccio Adele

Reply
Mimma Morana 23 Maggio 2013 at 12:46

ottimo e profumato!!!! vado a prepararlo visto che, oggi , sono a casa anch’io!!!

Reply
Lisa 16 Maggio 2013 at 21:44

Molto buono e facile a preparare! L’abbiamo mangiato per cena stasera! Grazie!

Reply
Siciliani creativi in cucina 16 Maggio 2013 at 23:41

Ciao Lisa!!! NE sono felice! La foto è orribile, domani rifaccio la pasta e la sostituisco, ma grazie del tuo apprezzamento! Baci Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.