Risotto delicato al cavolo nero e crescenza

Oggi la ricetta di un risotto delicatissmo, al cavolo nero e crescenza. Lo so, siamo in primavera avanzata, ma io al mercato due giorni fa ho trovato il cavolo nero, fresco e spendente come se fossimo a dicembre… pare che il freddo ci abbia messo lo zampino. Quindi, se amate i risotti delicati, con sentori minerali ma un gusto equilibrato, provate questo risotto con cavolo nero e crescenza. Nonostante l’apparenza, il cavolo nero è un ortaggio dal gusto gentile e ben si abbina alla delicatezza della crescenza. Indispensabile è un buon brodo vegetale, per dare gusto a tutto l’insieme, ma è un risotto che vi farà fare una bellissima figura nonostante sia veramente rapido e semplice da preparare ed è anche sano perché non c’è burro, visto che per mantecare si usa la crescenza. E non dimenticate una bella macinata di pepe nero fresco, in questo piatto fa davvero la differenza!

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 grammi di riso Arborio o Carnaroli
  • 300 grammi di cavolo nero
  • mezzo scalogno fresco
  • 150 grammi di crescenza
  • 2 litri di brodo vegetale fatto con una carota, una cipolla, una foglia di alloro e mezza costa di sedano
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe quanto basta
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco

Lavare il cavolo nero, togliere le coste centrali dure e fibrose e tritare finemente tutte le foglie verde scuro.

Tritare lo scalogno e metterlo in una casseruola con l’olio evo, soffriggere e fare appassire unendo poco brodo vegetale finché non diventerà trasparente, poi unire il cavolo nero e rosolare per 5 minuti. Infine, aggiungere il riso e tostarlo, mescolando ogni tanto, per 3-5 minuti.

Sfumare con il vino bianco, lasciare evaporare l’alcol e iniziare al cottura del risotto aggiungendo piano piano il brodo. Salare e portare il risotto a cottura all’onda.

Una volta cotto, aggiustare eventualmente di sale e, fuori dal fuoco, mantecare il risotto con la crescenza tagliata a dadini, mescolando finché non si sciolga completamente.

Servire il risotto dopo averlo generosamente cosparso di pepe nero macinato fresco. Buon appetito!

Dai una occhiata anche a...

8 comments

haha 22 Luglio 2015 at 23:08

what is growth?

Reply
Ada Parisi 23 Luglio 2015 at 10:21

Hi! Unfortunately is a mistake of Google translator that translate the italian ‘crescenza’ with growth: the ‘crescenza’ is a fresh cow cheese, similar to ‘stracchino’ cheese, very creamy. You can use instead a creamy fresh cheese. Thanks for being here, Ada

Reply
tamara 2 Maggio 2014 at 23:29

carissima, il cavolo nero si trova anche a giugno, viene dall’Abruzzo e adesso è normale che ci sia stai tranquilla e questo risotto è divino, un abbraccio

Reply
Siciliani creativi in cucina 3 Maggio 2014 at 00:32

Grazie Tamara, io pensavo che al massimo a marzo-aprile fosse finito! Allora lo ricompro senza farmi problemi, a presto, Ada

Reply
elena-sweetlife 1 Maggio 2014 at 22:46

Che bella questa ricetta! Mi piace molto il cavolo nero ma in genere lo preparo sempre nella classica zuppa. Questa è un’idea che mi piace tanto e che proverò (anche qui il tempo è ballerino)!

Reply
Siciliani creativi in cucina 1 Maggio 2014 at 23:30

Ciao Elena grazie! Anche io faccio tante zuppe con il cavolo nero e avevo voglia di qualcosa di diverso. Qui oggi tanto sole, ma proprio tanto! Speriamo continui così! Un abbraccio Ada

Reply
Ale - Dolcemente Inventando 30 Aprile 2014 at 23:23

mmm chissà che bontà questo risotto, cara Ada! passa un bel ponte e divertiti! Un bacione!

Reply
Siciliani creativi in cucina 30 Aprile 2014 at 23:29

Grazie Ale! Passa un buon ponte anche tu! Un abbraccio, Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.