Risotto alla zucca con pistacchio di Bronte e Castelmagno

Oggi un risotto tipicamente ‘nordico’, ma ‘meridionalizzato’ da una spolverata di pistacchio di Bronte. Il risotto con zucca e Castelmagno, che potete ovviamente sostituire con un ottimo Parmigiano Reggiano Dop meglio se invecchiato 36 mesi. Se volete, potete anche sostituire il Castelmagno con il formaggio Taleggio Dop, da mantecare insieme al risotto. Oppure potete usare un formaggio Gorgonzola Dop piccante, da sbriciolare  direttamente sul risotto. La dolcezza della zucca e la sapidità del Castelmagno (formaggio Dop prodotto nel territorio dei comuni di Castelmagno, Pradleves e Monterosso Grana) formano un ‘insieme’ davvero appagante. Se volete, potete guardare qui la video ricetta del risotto con la zucca, passo passo, sul mio canale You Tube e usarla anche come base per quasi tutti i risotti con le verdure. Trovate la video ricetta integrale anche in fondo all’articolo. Se vi piacciono i risotti, date in ogni caso una occhiata qui a tutte le mie ricette a base di riso, dove potreste trovare qualche idea non solo per risotti ma anche per arancine, insalate di riso, sformati e persino dolci. Il risotto con la zucca è uno dei miei preferiti, anche per la sua facilità di esecuzione: non appena arriva l’autunno la prima zucca sui banchi del mercato è mia, e il primo piatto che preparo è sempre questo. Buona giornata!

RISOTTO ALLA ZUCCA, CASTELMAGNO E PISTACCHIO (ricetta facile)

Print This
PORZIONI: 4 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 500 grammi di zucca rossa al netto degli scarti
  • 400 grammi di riso Carnaroli
  • una cipolla dorata
  • un pizzico di rosmarino tritato
  • sale e pepe, quanto basta
  • 50 millilitri di vino bianco secco
  • olio extravergine di oliva, quanto basta
  • 50 grammi di parmigiano Reggiano Dop grattugiato
  • 40 grammi di Castelmagno Dop in scaglie
  • 30 grammi di pistacchi di Bronte
  • 30 grammi di burro
  • un litro di brodo vegetale fatto con una carota, una cipolla e una costa di sedano

PROCEDIMENTO

Per il risotto alla zucca, pistacchio e Castelmagno innanzitutto dovete preparare il brodo vegetale mettendo a bollire per almeno mezz’ora carota, cipolla e sedano in un litro e mezzo di acqua non salata.

Tritare la cipolla molto finemente. Mettere in una casseruola capiente l’olio, farlo scaldare, aggiungere la cipolla e lasciarla appassire aggiungendo eventualmente qualche cucchiaiata di brodo per non farla imbiondire troppo: unire la zucca tagliata a dadini di circa un centimetro e mezzo e farla rosolare per 10 minuti nell’olio caldo. Essendo tagliata a pezzi molto piccoli la zucca si ammorbidirà subito.

Unire il riso e farlo tostare per due minuti sempre mescolando e aggiungere il vino: fare evaporare la parte alcolica lasciandola sfumare per un minuto a fuoco medio e aggiustare di sale. Poi unire il brodo piano piano: ogni volta che il riso inizierà ad asciugarsi, aggiungerne altro. Questa è una fase delicata, perché il riso potrebbe attaccarsi o il brodo evaporare troppo in fretta. Non allontanatevi troppo dalla pentola!

Portare il riso a cottura e, quando sarà cremoso e al dente, aggiungere il burro e il parmigiano, mantecando il riso per circa un minuto: pepare e distribuire il risotto alla zucca nei piatti. Guarnire il risotto alla zucca con le scaglie di Castelmagno Dop e completare il piatto con un po’ di granella di pistacchio. Buon appetito!

L’ABBINAMENTO: questo risotto, insaporito dal Castelmagno e dai pistacchi di Bronte, trova un connubio perfetto con lo spumante extra dry  della Cantina Due Palme. Il buon residuo zuccherino del vino rinforza la nota dolciastra e morbida della zucca.  Se invece preferite abbinare al risotto una birra,  suggeriamo qualcosa di ‘insolito’: una birra americana a base di zucca. Di questo particolare tipo di ‘artigianale’ i mastri birrai americani sono maestri. La più facile da trovare nei negozi specializzati è sicuramente la ‘Pumking’ del birrificio Southern Tier, distribuita in Italia da ‘Domus Birrae’. Per chi volesse osare consigliamo invece una ‘Quarta Runa’ del birrificio Montegioco. Prodotta con le pesche, questa birra è perfetta per riprendere le note dolci della zucca senza ‘rovinare’ il sapore intenso del Castelmagno.

Dai una occhiata anche a...

4 comments

Vincent 10 Febbraio 2019 at 20:39

Delicious recipe! Sweet and creamy, with just a hint of rich nuttiness!

Reply
Ada Parisi 11 Febbraio 2019 at 10:26

Thank you so much and welcome! Ada

Reply
Victoria 28 Gennaio 2013 at 15:24

Gracias Por tu visita, a mi también me gustan mucho tus recetas, te seguire para ver las nuevas que publiques.
Un saludo
La Tauleta

Reply
fratelli_ai_fornelli 29 Gennaio 2013 at 15:02

Our food style is similar, i think. I follow you too. Ciao

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.