Riso nero con dadolata di frutta fresca e pistacchi (senza zucchero)

Cremoso ma croccante perché fatto con il riso, goloso perché fatto con il cioccolato fondente al 70% (importante fonte di polifenoli che aiutano a ridurre glicemia e pressione arteriosa) ma ‘sugar free’ perché dolcificato con il succo di agave, uno sciroppo estratto dall’Agave Tequiliana Weber, pianta grassa messicana, dal cui succo si ricava un dolcificante naturale che non solo dolcifica il 25% in più dello zucchero bianco ed è solubile perfettamente anche a freddo,  ma ha un indice glicemico basso che lo rende consigliato anche per i diabetici. La ricetta è quella del ‘riso nero’ con la cannella che preparava mio nonno ma reinterpretata in chiave light: niente zucchero quindi, e la cottura nel latte semiscremato. La dadolata di frutta fresca alleggerisce il gusto del cacao e intorno un leggero caramello fatto un pochissimo miele, un goccino di acqua e dei pistacchi di Bronte.

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 grammi di riso Carnaroli o Arborio
  • 800 millilitri circa di latte semiscremato
  • 130 grammi di cioccolato fondente al 70%
  • 4 cucchiai colmi di succo di agave
  • cannella in polvere quanto basta
  • frutta fresca (fragole, kiwi, ananas, mango, pesca, mela verde)
  • 30 grammi di granella di pistacchi di Bronte
  • 2 cucchiai di miele di fiori di campo Mielbio (o un millefiori)
  • stecche di cannella e anice stellato per decorare

Mettere in una casseruola antiaderente il latte, il riso e il succo di agave: portare il tutto a cottura a fuoco basso e mescolando spesso, perché il riso tende ad ‘attaccarsi’ sul fondo’. Nel caso in cui vi sembri che il liquido si asciughi troppo, aggiungete ancora un poco di latte tiepido e quindi regolate nuovamente le dosi del succo di agave. Il riso dovrà assorbire il latte e il composto essere cremoso, non liquido e non troppo asciutto. Nel frattempo, fate a pezzetti il cioccolato fondente e fattelo sciogliere a bagnomaria. Una volta che il riso sarà cotto, unitevi il cioccolato fuso e amalgamate bene il tutto. Farlo intiepidire e mettere il ‘riso nero’ in un coppapasta rotondo di circa 10 centimetri di diametro. Dovrete fare un ‘disco’ di riso alto circa 2 centimetri: lasciatelo riposare a temperatura ambiente. Mentre il riso intiepidisce, preparate la dadolata di frutta fresca: le dimensioni dei cubetti dovranno essere molto piccole, 2-3 millimetri, praticamente una ‘brunoise’. In un padellino antiaderente mettere il miele, un cucchiaio di acqua calda, il pistacchio e fare sobollire il tutto a fuoco medio, sempre mescolando, finché l’acqua non sia evaporata e non si sia formata una emulsione vischiosa ma non troppo. Quando il riso si sarà raffreddato, togliete il coppapasta, distribuitevi attorno la dadolata di frutta e attorno il miele caramellato con il pistacchio. Decorate con le stecche di cannella e l’anice stellato.

L’ABBINAMENTO: Con il nostro dolce sugar free abbiniamo un bel moscato d’Asti Docg dell’azienda Ceretto, dai sentori di miele e agrumi con un’acidità contenuta che lo rende molto gradevole.

Dai una occhiata anche a...

12 comments

conunpocodizucchero.it 30 Aprile 2013 at 23:38

eccola! lo sapevo che non saresti passata inosservata!!!

Reply
Siciliani creativi in cucina 30 Aprile 2013 at 23:40

In che senso cara?

Reply
Isabella 30 Aprile 2013 at 20:39

Complimenti.
questa ricetta è deliziosa e molto originale.
la proverò al più presto.
isa

Reply
Siciliani creativi in cucina 30 Aprile 2013 at 22:44

Grazie! E quando la rifai fammi sapere se ti piace o cosa ci hai messo di tuo: sono sempre curiosa di vedere le mie ricette rifatte da altri! Un abbraccio, Ada

Reply
Maurizia 24 Febbraio 2013 at 19:49

Bellissimo…… e salutista ….. da provare
Bye

Reply
fratelli_ai_fornelli 24 Febbraio 2013 at 22:16

Grazie…le ricette ‘dietetiche’ non sono il nostro forte ma da ora ci sforzeremo un po’ di più!

Reply
Franca 22 Febbraio 2013 at 16:29

Che ricordo! anche da ragazzina mi preparavo questo riso al cioccolato; mia mamma mi lasciava fare purchè io imparassi, ma storceva il naso e non ha voluto mai assaggiarlo. Per me era consolatorio. Mi incuriosisce questo sciroppo di agave: dove si può acquistare? Ciao

Reply
fratelli_ai_fornelli 22 Febbraio 2013 at 17:12

Ciao Franca! Si anche per me è un ricordo d’infanzia…lo preparava mio nonno. Io l’adoro…Il succo di agave a Roma lo trovi da Castroni, ma credo anche se ne trovi anche su internet…un caro saluto

Reply
No sugar please... 22 Febbraio 2013 at 10:46

Ciao Ada! Ti aspettavo! Ma che ricetta originale, credo proprio che la proverò e complimenti per l’uso del succo d’agave! La inserisco subito! Un bacio!

Reply
fratelli_ai_fornelli 22 Febbraio 2013 at 10:54

Ciao Sissi! Spero ti piaccia…un grande abbraccio e complimenti per il tuo contest (ho visto una torta di carote ‘senza’ che mi pare un miracolo…la proverò di sicuro)

Reply
conunpocodizucchero.it 22 Febbraio 2013 at 09:58

una proposta interessantissima!!!!!!!

Reply
fratelli_ai_fornelli 22 Febbraio 2013 at 10:30

Il riso nero è una ricetta del nonno, l’unica cosa che sapeva cucinare: ho pensato di dargli nuova vita per questo contest. Intanto, pur se diverso, l’ho riassaggiato dopo almeno 20 anni e la cosa mi è piaciuta molto..un bacio

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.