Polpo arrostito con crema di fagioli e patate al pecorino

Polpo arrostito con crema di fagioli e patate al pecorino: oggi un piatto semplicissimo ma, se amate il polpo, ve ne innamorerete sicuramente. E’ un’ottima alternativa al classico polpo con patate e prezzemolo, o a quello all’algherese (con pomodori e cipolla): il polpo, prima lessato, poi viene grigliato e reso croccante, adagiato su un letto di crema di fagioli cannellini, accompagnato da quenelle di patate e pecorino e da olio al prezzemolo. Io l’ho preparato come antipasto in una cena con ospiti imprevisti… avevo un solo polpo, comprato per me e Gianluca, e ho fatto di necessità virtù in modo da potere servire due tentacoli a commensale… Le difficoltà aguzzano l’ingegno!

Ingredienti per 4 persone: 

  • 1 polpo verace da 1 kg circa
  • 4 patate non grandi
  • 60 grammi di pecorino Dop grattugiato
  • latte intero quanto basta
  • 20 grammi di burro
  • sale e pepe quanto basta
  • olio extravergine di oliva quanto basta
  • 150 grammi di fagioli cannellini secchi e già ammollati
  • 2 pezzetti di carota
  • 2 pezzetti di cipolla
  • 2 pezzetti di sedano
  • mezza foglia di alloro
  • prezzemolo fresco quanto basta
  • qualche cristallo di sale Maldon

Lessare il polpo in acqua con un pezzetto di cipolla, uno di carota, uno di sedano e la foglia di alloro: io lo metto in acqua fredda e lo faccio cuocere circa 45 minuti da quando spicca il bollore. Poi lasciarlo riposare nella sua acqua di cottura fino al raffreddamento.

Cuocere i fagioli con i restanti pezzetti di carote, cipolle e sedano in acqua non salata e, a fine cottura (circa 50-60 minuti perché devono diventare piuttosto morbidi) aggiustare di sale. Scolare i fagioli e le verdure, mettendo da parte l’acqua di cottura, e passarli al mixer unendo un filo di olio extravergine e tanta acqua di cottura quanta necessario per ottenere una crema della densità che preferite. Potete farla più fluida, come se fosse una zuppetta, o più densa come una salsa. A voi la scelta. Aggiustare solo alla fine di sale e pepe.

Lessare le patate in abbondante acqua salata, pelarle, schiacciarle con lo schiacciapatate. Metterle in un tegame con il burro a fuoco dolce, aggiustare di sale e pepe e aggiungere tanto latte quanto necessario per ottenere un composto liscio, omogeneo e piuttosto sostenuto, quindi condire con il pecorino.

Pulire il prezzemolo dai gambi e frullarlo con un filo di olio extravergine.

Quando il polpo sarà freddo, tagliare gli otto tentacoli e ungerli di olio, quindi arrostirli sulla griglia ben calda rigirandoli da ogni lato finché la superficie non sarà diventata croccante.

Mettere sul fondo del piatto una cucchiaiata di crema di fagioli cannellini, adagiarvi sopra due tentacoli di polpo arrostiti e formare a fianco del polpo due quenelle di purea di patate e pecorino (prendete una cucchiaiata di composto con un cucchiaio e, aiutandovi con un altro cucchiaio in un movimento rotatorio formate la quenelle). Condire il tutto con l’olio al prezzemolo e qualche cristallo di sale Maldon e servire. Buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Abbiamo provato ad abbinare a questa ricetta una birra di frumento. Abbiamo scelto la Open White, del birrificio Baladin a Piozzo (Cuneo): schiuma densa e morbida, profumi agrumati e note di coriandolo, buon equilibrio dell’amaro (luppolo e radice di genziana) con il gusto dei fagioli e la sapidità delle patate al pecorino. Complessivamente è una birra capace di restituire piacevoli sensazione di freschezza che la rendono adatta anche come semplice aperitivo.

Dai una occhiata anche a...

4 comments

lara137 3 Agosto 2014 at 09:35

ecco un modo di servire il polpo che davvero mi attrae, io poi lo amo molto e questa veste sciccosa gli si addice

Reply
Siciliani creativi in cucina 3 Agosto 2014 at 14:21

Ciao Lara, che bello vederti qui! Anche io amo il polpo in ogni modo, ogni tanto mi diverto a cambiare veste alla solita insalata! Grazie e buona domenica!

Reply
Elisabetta 2 Agosto 2014 at 12:47

Ciao, ricetta interessante da provare! Cotture un po’lunghe per l estate!!! Ma quest’anno di possono fare.

Reply
Siciliani creativi in cucina 2 Agosto 2014 at 13:42

Ciao Elisabetta! Sì devi cuocere patate, fagioli e polpo separatamente, ma poi i fagioli basta frullarli e le patate schiacciarle… è anche vero che le temperature (purtroppo) non sono così calde da farci desistere dal cucinare!!! Grazie e a presto! Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.