Pasta al pesto di pomodori secchi e ricotta

Pasta al pesto di ricotta, pomodori secchi, pinoli e mandorle. Molti lo chiamano pesto rosso o pesto alla siciliana, e in effetti gli ingredienti sono tipici della mia isola. E’ una salsa velocissima, davvero pronta in 5 minuti, con la quale amo condire la pasta (meglio pasta lunga che pasta corta) ma che dovreste provare anche sulle bruschette, soprattutto in inverno quando i pomodori freschi non sono più di stagione. Ovviamente, la ricetta del pesto alla siciliana è molto semplice e rapida da preparare: vi servirà soltanto un mini pimer o, se anche a voi piace cucinare alla vecchia maniera, un mortaio, per pestare i pomodori con la ricotta, i pinoli e le mandorle tostate e le erbe aromatiche (io ho usato basilico fresco e maggiorana). A questa salsa potete aggiungere, volendo, uno spicchio di aglio e un po’ di pecorino, ma vi confesso che io preferisco evitare, per lasciare protagonisti del gusto i pomodori e la ricotta, nel mio caso di pecora. In inverno, quando non c’è il basilico, provate a sostituirlo con un po’ di origano: non avete idea di quanto cambi il gusto e di quanto diventi balsamico. Ora, domando io: che cosa preferire tra un pesto siciliano pronto (costi più alti, ignota qualità delle materie prime, presenza di conservanti, etc.) e un pesto alla siciliana fatto da voi in 5 minuti (ma anche meno se vi concentrate)? Se preferite usare nel pesto siciliano (o avete già in casa) i pomodori secchi non sottolio, dovete semplicemente reidratarli tenendoli per 15 minuti a bagno in acqua calda, poi asciugarli bene e procedere come da ricetta: vi servirà un po’ più di olio extravergine di oliva nella preparazione, ma il pesto alla siciliana verrà comunque perfetto. E, sempre in tema di pesto pronto in 5 minuti, provate anche l’aromatico pesto di finocchietto selvatico, quello crudo di cavolo nero con mandorle e pinoli, quello di rucola, nocciole e caciocavallo, il pesto crudo di bietole, noci e pecorino, quello delicato di asparagi e mandorle, il pesto alla trapanese e quello di alici fresche, pistacchio e agrumi. Buona giornata!

PASTA AL PESTO DI RICOTTA E POMODORI SECCHI (Pesto alla siciliana)

Print This
PORZIONI: 4 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 300 grammi di ricotta di pecora (o ricotta di mucca, se preferite)
  • 120 grammi di pomodori secchi sottolio (o secchi reidratati)
  • 30 grammi di pinoli
  • 20 grammi di mandorle di Avola
  • olio extravergine di oliva, quanto basta
  • sale e pepe, quanto basta
  • basilico fresco e maggiorana, quanto basta
  • 320 grammi di spaghetti (o un altro formato di pasta lunga)

PROCEDIMENTO

Per la pasta al pesto alla siciliana, tostare leggermente i pinoli e le mandorle. Farli raffreddare e metterne qualcuno da parte per decorare il piatto.

Mettere nel mortaio o nel bicchiere del pimer i pomodori secchi e frullare aggiungendo a filo un poco di olio di oliva extravergine, fino a sminuzzarli. Unire il basilico e la maggiorana, quindi la frutta secca tostata, un po’ di pepe nero macinato fresco e 200 grammi di ricotta, mettendo da parte il resto per guarnire il piatto.

Continuare a frullare il pesto siciliano fino a ottenere un composto cremoso. Ovviamente, se lo preparerete al mortaio, il pesto alla siciliana resterà più grossolano, con i pezzetti di pomodori secchi e di frutta secca più evidenti, se invece lo frullerete, sarà più cremoso e omogeneo. Dipende dai vostri gusti. Aggiungete tanto olio quanto necessario ad amalgamare il pesto, quindi assaggiate per regolare il sale.

Lessare la pasta in abbondante acqua salata e scolarla al dente, mettendo da parte un po’ dell’acqua di cottura. Mantecare la pasta con il pesto di pomodori secchi e ricotta e tanta acqua di cottura quanta necessaria per ottenere una salsa fluida, che ricopra generosamente gli spaghetti.

Servire gli spaghetti al pesto alla siciliana completando il piatto con una piccola quenelle (cucchiaiata) di ricotta fresca e guarnitelo con i pinoli e le mandorle tostate che avete messo da parte e qualche fogliolina di maggiorana. Io ho preferito non aggiungere parmigiano né pecorino, perché il gusto di questo pesto alla siciliana è già molto intenso. Buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Rèfulu, Calabria Igt, annata 2013, biologico, prodotto con le uve Greco Bianco dall’azienda Casa Comerci, azienda che si trova in provincia di Vibo Valentia, nel comune di Badia di Nicotera. Un vino bianco (Rèfulu nel dialetto locale indica il sorpiro del vento) dalla spiccata sapidità, di buon corpo, secco, con profumi di frutta tropicale. In abbinamento a questa ricetta riesce a bilanciare la dolcezza della ricotta, esaltando l’acidità e la sapidità della salsa di pomodori, ottenendo un buon equilibrio gustativo tra cibo e vino.

Dai una occhiata anche a...

4 comments

Antonella 24 Settembre 2017 at 08:47

Buona domenica Ada!
Davvero invitante questo pesto, sembra, come dire, avvolgente! E non ha assolutamente nulla da invidiare a quelli commerciali, anzi è mille volte migliore 😉 !
Un caro saluto 🙂
Antonella

Reply
Ada Parisi 26 Settembre 2017 at 18:03

Grazie! Sono felicissima che ti sia piaciuta. un carissimo saluto a te Antonella!

Reply
anna maria 23 Settembre 2017 at 19:12

BUONISSIMA come tutte le tue ricette che ho rifatto!

Reply
Ada Parisi 26 Settembre 2017 at 18:03

Scusa il ritardo nella risposta ma ero fuori Roma. Ma grazie, grazie, grazie di cuore. Un abbraccio, Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.