Paccheri rigati con tonnetto al sugo di pomodoro e menta

Tonnetto al sugo, con il profumo inconfondibile della menta e dell’aglio. E’ un piatto che preparava mia nonna, poi tramandato a mia madre e ora io lo ‘passo’ a voi. Il sugo è favoloso con la pasta. E l’ho usato per condire i paccheri rigati, ma non tralasciate il tonnetto, di cui potete vedere una golosa foto in fondo a questo post: ve ne innamorerete. Tra l’altro, in tempi di crisi (di tempo e di soldi), non è poco fare sia il primo e sia il secondo piatto con una sola preparazione. Il tonnetto ‘alletterato’ (nome scientifico: Euthynnus alletteratus), tra le altre cose, è un pesce eco-sostenibile, molto versatile, dalle carni simili a quelle del tonno (ma con dimensioni molti più piccole) e dal costo veramente contenuto: se lo trovate in pescheria non fatevelo assolutamente scappare.

Ingredienti per 4 persone: 

  • un tonnetto (Euthynnus alletteratus) da cui ricavare 4 tranci (ma va cotto tutto, non gettate nulla!)
  • 750 millilitri di passata di pomodoro
  • menta fresca quanto basta
  • 6 spicchi di aglio senza la buccia
  • sale e pepe: quanto basta
  • 350 grammi di paccheri rigati
  • pecorino stagionato grattugiato Dop: quanto basta
  • olio extravergine di oliva: quanto basta

Lavare il tonnetto e tagliarlo in 4 tranci regolari, escludendo le parti più vicine alla coda e alla testa, ma non gettatele  via. Con un coltello fare un foro in ogni trancio e ‘infilarvi’ all’interno uno spicchio di aglio e un ciuffo di menta. Coprire il fondo di un tegame con olio di oliva e soffriggervi i tranci di tonno, la sua testa e la sua coda, da entrambe le parti. Quando saranno dorati da ogni lato, metterli da parte. Togliere il tegame con l’olio dal fuoco e farlo raffreddare.

Nel frattempo, tritare finemente uno spicchio di aglio; unirlo all’olio, farlo soffriggere a fuoco basso e aggiungere la passata di pomodoro. Aggiustare di sale e pepe, e unire foglie di menta a piacere. Fare cuocere per 10 minuti e, quando il sugo si sarà un po’ ristretto, adagiare nella padella i tranci di tonno, la testa e la coda. Coprire la padella e fare cuocere il tutto per 15-20 minuti, poi – se il sugo non sarà abbastanza denso – scoprire il tegame, alzare il fuoco e fare addensare per 5 minuti.

Mettere da parte i 4 tranci con un po’ del sugo di cottura, pulire bene la testa e la coda, ricavando quanta più carne possibile, e versarla nel sugo con il quale condirete la pasta. Lessare i paccheri con abbondante acqua salata, scolarli al dente e versarli nel tegame, mantecandoli per un minuto con il sugo di tonno. Servire i paccheri con il sugo e una spolverata di pecorino grattugiato (il piatto della nonna era questo e vi assicuro che il pecorino ci sta tutto, ma potete anche non metterlo) e guarnitelo con ciuffetti di menta.

Ovviamente, come secondo piatto vi aspetta il trancio di tonno con il suo sugo. Buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Nonostante questo sia un piatto a base di pesce suggeriamo un vino rosso, ma da bere fresco: un Chianti Rùfina Docg dell’azienda toscana Villa Travignoli, di buona struttura, profumato, morbido e decisamente bevibile sia con i paccheri sia con questo tonnetto in rosso.

Dai una occhiata anche a...

6 comments

leonilson 23 Settembre 2013 at 15:44

Muito bem organizado o seu site, parabéns.

Reply
Siciliani creativi in cucina 23 Settembre 2013 at 15:47

Gracias y bienvenidos en mi blog!! Esperamo verlos pronto por aquí! Saludos, Ada

Reply
Martina 22 Agosto 2013 at 13:53

Ciao, ti invito a partecipare alla mia rubrica improvvisata di questo mese: http://lamiacucinaimprovvisata.blogspot.it/2013/08/il-vincitore-di-luglio-e-la-mia-cucina.html, se ti va ovviamente… baci e a presto, Martina

Reply
Siciliani creativi in cucina 22 Agosto 2013 at 23:16

ciao Martina, sono pienamente operativa a metà settembre. magari riesco a partecipare alle prossime…. ciao Ada

Reply
Maurizia Le Ricette del Pozzo Bianco 21 Agosto 2013 at 17:31

Le tue ricette sono sempre così belle ed invitanti! Bravissima
Bye
Maurizia

Reply
Siciliani creativi in cucina 21 Agosto 2013 at 18:13

Ciao Maurizia. Grazie. Appena puoi, prova questa ricetta e fammi sapere. a presto, Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.