Orata croccante su crema di peperoni gialli

Orata croccante su crema di peperoni gialli. Un piatto di grande effetto e di facile preparazione, con questo contrasto di colore tra il bianco del pesce e il giallo senape della crema di peperoni, ravvivato dal tocco di verde del timo al limone e degli asparagi. Si tratta semplicemente di un filetto di orata cotto sulla sua pelle in modo da farla diventare croccante e adagiato su una altrettanto semplice crema di peperoni. Un piatto dai colori e sapori decisamente estivi.

strong>Ingredienti per 4 persone: 

  • 4 filetti di orata o di altro pesce, ad esempio spigola, senza spine e senza squame
  • 2 peperoni gialli
  • olio extravergine di oliva quanto basta
  • qualche rametto di timo al limone
  • 15 grammi di burro
  • un mazzetto di asparagi
  • sale e pepe quanto basta

Lavare il pesce e assicurarsi che nei filetti non ci siano spine e, in caso ci siano, rimuoverle con l’aiuto di una pinzetta. Asciugare bene i filetti con della carta assorbente e tagliare ciascun filetto in tre pezzi. Lavare i peperoni, pulirli rimuovendo i semi e le parti bianche interne e farli a pezzi. Mettere i peperoni in una padella anti aderente con 5 cucchiai di olio, salare e fare cuocere per 15 minuti a fuoco basso, in modo che cuociano senza prendere troppo colore. Passare i peperoni al mixer e poi passare il composto ottenuto al setaccio in un colino a maglie fitte, in modo da avere una crema omogenea e liscia. Rimettere la crema in padella e farla restringere di circa un terzo, aggiungendo eventualmente un filo di olio.

Pulire gli asparagi togliendo i gambi (conservateli e usateli per fare un risotto, una quiche, un piatto di pasta) e cuocere le punte in padella con 2 cucchiai di olio e il burro. Salare e fare saltare gli asparagi per 5-7 minuti, devono rimanere croccanti.

Cuocere per circa 6 minuti i filetti di orata con le foglioline di timo sulla propria pelle in una padella anti aderente con il fondo ricoperto da un filo di olio, poi rigirarli e cuocerli due minuti sul dorso: la pelle deve diventare croccante (va mangiata, mi raccomando).

Servire i filetti di orata adagiati sulla crema di peperoni e guarniti con gli asparagi e un rametto di timo al limone.

L’ABBINAMENTO: Scegliamo un vino del Molise per questo piatto delicato a base di pesce. Il nostro suggerimento cade su un Igp Terre degli Osci bianco, prodotto dall’azienda Catabbo con uve Trebbiano e Chardonnay. Il Petriera bianco (grado alcolico 13,5% vol.) ha profumi di ananas e un gusto sapido e persistente. Servitelo fresco intorno ai 10 gradi.

Dai una occhiata anche a...

8 comments

Chiara 14 Gennaio 2015 at 21:15

Cara Ada, con cosa potrei sostituire il peperone (che digerisco solo se fatto dalla mamma…)? Ma davvero si mangia la pelle?!
Complimenti! Ti seguo sempre! Finalmente piatti semplici ma golosi e di grande effetto!
Chiara

Reply
Siciliani creativi in cucina 14 Gennaio 2015 at 22:00

Ciao Chiara ma grazie di cuore! Allora, i peperoni li digerisci se togli tutti i filamenti bianchi interni e la pelle. Comunque, anche visto che non sono di stagione, puoi usare anche cavolfiori, zucchine, broccoletti, zucca o carciofi. Cavoli e broccoli devi prima sbollentarli e poi stufarli con olio aglio peperoncino per insaporire. Poi frulli. Gli altri li stufi direttamente. Se hai bisogno di altro sono qui! A presto!

Reply
Andrea Arena 23 Luglio 2013 at 19:10

Ottima idea, credo possa essere impiegata con pesce diverso, del resto “la morte sua è fritto”, non di tutti però, alcuni cefalopodi li preferisco arrostiti ecc. ecc.

Reply
Siciliani creativi in cucina 23 Luglio 2013 at 23:16

Grazie Andrea e benvenuto, Ada

Reply
Rita 23 Luglio 2013 at 12:40

Ottimo !!!!!!!!

Reply
Siciliani creativi in cucina 23 Luglio 2013 at 12:49

Ciao Rita, grazie e benvenuta! Un abbraccio, Ada

Reply
Maurizia 23 Luglio 2013 at 08:19

Che bel piatto Ada! Mi piace molto il pesce….. cuocerò così come hai indicato i filetti di orata
Bye
Maurizia

Reply
Siciliani creativi in cucina 23 Luglio 2013 at 12:54

Ciao Maurizia! Un abbraccio e fammi sapere! Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.