Ombrina alla griglia su insalata mediterranea

Ombrina alla griglia su insalata mediterranea. Per dimostrare che anche un semplice trancio di pesce alla griglia con insalata può diventare un piatto gourmet, buono da mangiare e bello da vedere. Basta avere un po’ di fantasia e ingredienti di qualità: l’altro giorno al mercato del pesce ho visto una ombrina enorme, la più grande della mia vita. Perfetta per essere tagliata in tranci e grigliata, con le sue carni sode dal sapore delicato. Ma avevo ospiti, e quindi ho dovuto inventare una presentazione accattivante per un piatto semplice. Se cercate secondi di pesce facili e veloci oppure eleganti e originali, date una occhiata a tutte i miei SECONDI DI PESCE o alle mie RICETTE CON IL PESCE AZZURRO.

Così ho fatto una insalata di patate, pomodori e cipolla rossa e poi una tapenade di capperi, olive e mandorle, tutto da abbinare al trancio di ombrina. Il risultato (che ovviamente potete ottenere anche con qualunque altro pesce a trancio, dal tonno al pesce spada, dalla ricciola alla aguglia), è stato eccellente: i miei ospiti mi hanno fatto i complimenti per la cena e io ho faticato davvero pochissimo.

Il consiglio

L’ombrina (Umbrina Cirrosa), è un pesce molto pregiato, con carni sode, bianche e magre. L’unico rischio è che l’ombrina, cuocendo troppo a lungo, diventi asciutta o gommosa. Fate quindi molta attenzione ai tempi di cottura: io vi consiglio di cuocerla prima per qualche minuto dal lato delle pelle ben squamata, in modo che diventi croccante (ricordate che la pelle del pesce è sempre commestibile, provate ad essiccarla in forno e vedrete che bontà) e poi piastrarla velocemente dal lato della carne.

Tra l’altro, l’ombrina alla griglia è una ricetta davvero leggera, perfetta per le sere estive con il nostro solito, amatissimo, bicchiere di bollicine italiane! Buona giornata!

OMBRINA ALLA GRIGLIA SU INSALATA MEDITERRANEA

Print This
TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 4 tranci di ombrina
  • 6 patate di media dimensione
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 5 pomodori per insalata
  • basilico fresco, quanto basta
  • timo fresco, quanto basta
  • poco aceto di vino rosso o bianco
  • 20 olive nere
  • una manciata di capperi dissalati
  • olio extravergine di oliva, quanto basta
  • un po' di succo e scorza di limone biologico
  • una manciata di mandorle o di pinoli

PROCEDIMENTO

Lavare le patate e lessarle in abbondante acqua salata. Una volta cotte, pelarle e farle raffreddare completamente. Poi tagliarle a cubetti di media dimensione. Lavare i pomodori, inciderli a croce e sbollentarli in acqua per pochi secondi, quindi metterli in acqua fredda e spellarli. La buccia verrà via con facilità. Tagliarli a metà, eliminare l’acqua di vegetazione e i semi e tagliarli a filetti. Affettare sottilmente la cipolla e metterla per dieci-quindici minuti a bagno con un po’ di aceto.

Assemblare l’insalata mediterranea mettendo in una ciotola le patate, i pomodoro, la cipolla ben scolata dall’aceto. Condire con sale, pepe nero, olio extravergine di oliva, un po’ di timo e basilico e lasciare insaporire in frigorifero.

Per la tapenade, tritare al coltello le olive nere, i capperi, le mandorle. Unire poco succo di limone e un po’ di scorza, quindi regolare di sale e amalgamare il tutto con un filo di olio extravergine di oliva

Ungere i tranci di ombrina con poco olio extravergine e grigliarli su una griglia arroventata. Vi consiglio di cuocerli per un paio di minuti dal lato della pelle, in modo che il calore si irradi in tutto il pezzo di pesce, e poi girarli pochi secondi sul lato della polpa. In ogni caso il pesce deve restare morbido e succoso, anche roseo al cuore se vi piace.

Composizione del piatto: mettere un piatto un po’ di insalata mediterranea (se avete un coppapasta usatelo per un impiattamento più ordinato). Adagiarvi sopra un trancio di ombrina e guarnire con una quenelle di tapenade di capperi e olive. Irrorate con un filo di olio extravergine e buon appetito!

 

 

Dai una occhiata anche a...

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.