Mini quiche di fave e pecorino

Morbide dentro, croccante il ‘cestino’, profumate di fave  fresche e saporite grazie al pecorino Dop ma leggere, perché cotte al forno: sono delle mini-quiches con verdure primaverili e di stagione, perfette come finger food o per un antipasto diverso dal solito. Per farle ho usato la mia amatissima pasta brisèe e sopra ho messo un asparago appena scottato. E’ un piatto che parla di primavera: quando vedo fave, piselli e asparagi freschi al mercato capisco che l’aria è cambiata! Ovviamente ve le propongo come antipasto pasquale: in mono porzioni sono perfette, soprattutto se volete arricchirle con una crema di pecorino. Potete però preparare anche una quiche più grande e tagliarla a fette, sia per un pranzo informale, sia per il pic-nic del lunedì di Pasqua. Anzi, preparate con un giorno di anticipo sono ancora più buone!

Ingredienti per 6 mini-quiche o per una tortiera di 22 centimetri di diametro:

  • 300 grammi di pasta brisèe (per la ricetta cliccate qui su ‘le basi’, vale il solito suggerimento: fate la dose intera perché poi quella che avanza si può surgelare e la userete sicuramente)
  • 4 uova
  • 120 ml di panna liquida fresca
  • sale e pepe quanto basta
  • 70 grammi di pecorino Dop stagionato grattugiato
  • 1 chilogrammo di fave fresche
  • mezzo cipollotto fresco
  • 2 cucchiai di olio di oliva extravergine
  • burro e farina quanto basta per gli stampini

Imburrare e infarinare e sei pirottini in alluminio, in silicone o sei stampini di ceramica refrattaria e rivestirli con la pasta brisèe stendendola il più sottile possibile e avendo cura di ‘bucherellarla’ sul fondo con una forchetta. Preriscaldare il forno statico a 180 gradi.

Pulire le fave togliendo anche la seconda buccia, almeno di quelle più grosse. Tritare il cipollotto e soffriggere con l’olio in padella, poi unire le fave e saltarle per 5 minuti, n modo che restino croccanti.

In una ciotola sbattere le uova con il sale, il pepe, la panna, il pecorino. Unire le fave e versare il composto in ogni stampino  (non riempiteli ‘a filo’ perché un po’ gonfiano).

Infornare per 30 minuti e, quando le mini-quiches saranno gonfie e dorate (se necessario passatele un attimo a forno ventilato o sotto il grill), sfornare e fare riposare 5 minuti. Potete servirle negli stampini di ceramica o sformarle, come ho fatto io. Se avete optato per la torta intera, tagliatela a fette e buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Bollicine siciliane per queste mini quiches. Abbiamo scelto Duca Brut prodotto dal Gruppo Duca di Salaparuta: un bianco frizzante (blend di uve Chardonnay e Grecanico) di buona intensità aromatica, sentori fruttati e note di crosta di pane.

Dai una occhiata anche a...

8 comments

Valentina 13 Maggio 2013 at 12:16

…mmmm che bontà!
da provare sicuramente!
a presto!

Reply
Siciliani creativi in cucina 13 Maggio 2013 at 13:38

Ciao Valentina, che bello avere una amica in più! Grazie della visita e a presto! Ada

Reply
Francesco 11 Maggio 2013 at 15:39

Ciao Ada ho inserito la tua ricetta nell’elenco del contest http://foodrevolution.iandola.com/food-revolution-day/contest-ricette-in-gara/
Grazie per la partecipazione

Reply
Siciliani creativi in cucina 11 Maggio 2013 at 15:54

Grazie Francesco, buon lavoro a te e alla giuria

Reply
Maurizia 2 Maggio 2013 at 14:41

Fantastica! La faccio!
Saluti
Maurizia

Reply
Siciliani creativi in cucina 2 Maggio 2013 at 14:56

Grazie! Dimmi se ti piace, ti aspetto! Ada

Reply
Valentina 2 Maggio 2013 at 12:33

Eh si! Fave, piselli e asparagi dicono proprio che l’aria è cambiata! Gli asparagi mi piacciono tantissimo e queste mini quiche sono da provare assolutamente! Complimenti, molto bella anche la foto 🙂 Un abbraccio, buona giornata! P.s.: per il latte condensato ti ho risposto da me 😉

Reply
Siciliani creativi in cucina 2 Maggio 2013 at 12:41

Grazie Valentina! Era ora di cambiare verdure…senza nulla togliere alle buonissime verdure invernali le fave e i piselli hanno un verde così vivace… Un abbraccio! (e grazie)

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.