Home » Mostarda siciliana d’uva

Mostarda siciliana d’uva

by Ada Parisi
39674 views 5 min read
La mostarda siciliana d'uva

Mostarda siciliana d’uva, ricetta originale. Settembre è tempo di vendemmia e di mosto. Ecco quindi la ricetta della mostarda siciliana, uguale a quella che preparava ogni anno mia nonna. In realtà, come sempre, vi parlo di una ricetta di famiglia, e sicuramente ci saranno tante varianti, anche se onestamente una mostarda d’uva rossa buona come questa non l’ho mai assaggiata. Sul mio canale YouTube trovate anche un brevissimo VIDEO TUTORIAL che vi mostra i passaggi più importanti e la consistenza che deve avere la mostarda siciliana d’uva una volta cotta.

La mostarda siciliana d’uva è una sorta di budino che si fa tradizionalmente in Sicilia all’epoca della vendemmia con il mosto appena spremuto, arricchito semplicemente di gherigli di noci e tanta, tanta cannella. Il risultato è un dolce asprigno ed aromatico, che sfrutta esclusivamente gli zuccheri presenti nel mosto e ha un sapore veramente particolare. Io lo adoro, per me è uno dei sapori dell’infanzia.

Altri dolci siciliani con l’uva

Se non trovate il mosto (io sono andata a prenderlo ai Castelli Romani e ringrazio la cantina Cincinnato per avermelo regalato), potete anche farlo passando al passaverdure l’uva rossa da tavola, ma per correttezza vi devo dire che il risultato non sarà lo stesso. Visto che siamo in periodo di uva, date una occhiata anche alla focaccia dolce all’uva, un classico delle merende in tempo di vendemmia. Oppure alla torta integrale con uva e mosto o alla sbriciolata all’uva fragola. E se volete sapere qualche informazione nutrizionale o pratica sull’uva, leggete il mio articolo L’UVA IN CUCINA: PROPRIETA’ E RICETTE. Buona giornata!

 

La mostarda siciliana d'uva

MOSTARDA D'UVA ROSSA (ricetta siciliana)

Porzioni: 8 Preparazione: Cottura:
Nutrition facts: 250 calories 20 fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

2 litri di mosto di uva rossa, che ridotto dovrà diventare un litro

150 grammi di gherigli di noci tritate grossolanamente

100 grammi di amido di mais (maizena)

una stecca di cannella

cannella in polvere, quanto basta

Procedimento

Mostarda siciliana d'uva rossaPrima di preparare la mostarda d'uva siciliana,  date una occhiata a questo brevissimo VIDEO TUTORIAL. Mettere il mosto in una ampia casseruola e cuocere a fuoco basso: dovrà ridursi esattamente della metà. Il mosto deve cuocere a fuoco basso in modo che le impurità salgano a galla sotto forma di 'schiuma': con una schiumarola togliere via ogni residuo che salga in superficie, fino a ottenere un liquido limpido e senza residui. Per ridurre la quantità di mosto da 2 litri a 1 litro ci vorrà circa un'ora-un'ora e trenta a fuoco basso. Una volta che il mosto si sarà ridotto, filtratelo in un setaccio a maglie strettissime e lasciatelo raffreddare completamente.

Quando sarà il mosto freddo, sciogliete l'amido nel mosto: vi ricordo che l'amido si scioglie perfettamente a freddo, basta metterlo in una tazza di liquido e mescolare, e poi aggiungere il tutto al resto del mosto. Aggiungere la stecca di cannella e iniziare nuovamente a cuocere il mosto, a fuoco bassissimo: cuocere, mescolando continuamente e bene sul fondo (il mosto tende ad attaccare sul fondo della pentola) finché la mostarda d'uva non si addensa e la superficie non inizia ad incresparsi. Unire le noci tritate in modo grossolano e versare la mostarda d'uva negli stampini.

Lasciare raffreddare completamente la mostarda d'uva negli stampini e riporre il dolce in frigorifero per almeno 3 ore. Potete sformare la mostarda d'uva siciliana o servirla direttamente nel suo contenitore, spolverizzando la superficie con la cannella in polvere. Buon appetito!

Note

Potete preparare la mostarda d'uva anche con il mosto di vino bianco ma, a meno che non sia un vitigno molto profumato come lo zibibbo, il gusto non avrà quel tono asprigno ed aromatico che è tanto piacevole nella mostarda d'uva rossa.

Hai provato questa ricetta?
Se ti è piaciuta taggami su Instagram @sicilianicreativi

Hai già visto queste ricette?

10 commenti

Juan Carlos 28 Febbraio 2019 - 20:22

Deseo recibir recetas de comidas y postres. Soy decendiente de Ragusanos (Sicilia). Tengo varias para pasar. Las famosas Scaccia de perejil o las empanadas de pecorino y también los pastieri de menudencias de cabrito.

Reply
Ada Parisi 4 Marzo 2019 - 23:13

Hallo, you can simply subscribe to my newsletter, put your email in the module and confirm the request. Ada

Reply
Franca Sava' 23 Ottobre 2015 - 07:27

La nostra ricetta ragusana prevede una sorta di magia chimica tramandata da secoli. Ti spiego: dopo aver fatto bollire il mosto, si aggiunge una manciata di cenere di legna e si lascia riposare qualche ora. Non ci crederai ma il mosto diventa limpidissimo e perde quel sentore di aspro. Si filtra e si procede alla cottura come hai descritto. P.S. Noi mettiamo mandorle tostate e tanta cannella.

Reply
Ada Parisi 23 Ottobre 2015 - 12:14

Ciao Franca! Io la faccio secondo la ricetta di mia nonna, palermitana. La tua variante non la conosco e mi incuriosisce tantissimo! In pratica la cenere opera quello che fa l’albume d’uovo nel vino, lo chiarifica! Interessantissimo!!!! Grazie di avere condiviso la tua ricetta con me!

Reply
Vincenzo Pipitone 19 Gennaio 2020 - 09:17

Anche nella zona di Marsala, terra di vini, i nostri contadini mettono della cenere di viti ( i rami secchi tolti quando si pota). Il mosto diventa chiaro e toglie l’acidità perché la cenere è basica. Poi viene cotto con la semola a taglio grosso come quella del cous cous e un po’ di farina, alla fine vengono aggiunte mandarle tostate e spezzettate. Lo si mette nei piatti piani spolverando con cannella tritata grossolanamente e si fa raffreddare (ricetta contadina di Marsala).

Reply
Ada Parisi 19 Gennaio 2020 - 15:21

Grazie per avere condiviso questa ricetta d’altri tempi. Ne farò tesoro. Ada

Reply
Valeria 8 Ottobre 2013 - 10:55

La tradizione di mia mamma vuole la mostata cosparsa di mandorle tostate tritate. Ottima!!! Ma proverò anche con la cannella, sicuramente!

Reply
Siciliani creativi in cucina 8 Ottobre 2013 - 12:34

ciao Valeria! Mai provata con le mandorle, da noi sempre noci e cannella! E proverò di sicuro perché le mandorle le adoro… Ada

Reply
sasina 4 Ottobre 2013 - 20:27

franchement très bon et la présent est maniphique merci pour la recettes

Reply
Siciliani creativi in cucina 5 Ottobre 2013 - 01:00

Merci pour ton mots et bienvenue dans mon blog. A bientot! ada

Reply

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web. * By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookies di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Ok Read More