Il pranzo di Natale, ecco qualche idea…

Dopo la cena della Vigilia, tradizionalmente ‘di magro’ e quindi di pesce, ecco i miei suggerimenti per il pranzo di Natale: ho scelto un menù che si muove tra verdure e carne, con piatti tradizionali e gustosi. Ho pensato a  un pranzo che comprenda una serie di piccoli sfizi da abbinare a un calice di bollicine, che si possano preparare prima (tartine, sformatini, mini quiches), due primi piatti che comprendono un risotto e una lasagna in bianco (con la pasta fatta in casa), un secondo piatto importante, un contorno e un dolce al cucchiaio al quale non si può dire di no, ovviamente sapendo che avrete sulla tavola panettoni, pandori e torroni.

Polenta ai broccoletti con crema di taleggio e uova di quaglia

Polenta ai broccoletti con taleggio e uova di quaglia

Nel buffer dei finger food vi propongo delle tartine di polenta verde con broccoletti, taleggio e uova di quaglia. Le tartine si preparano in anticipo, le uova si sodano e la crema di taleggio si fa prima in modo che, all’ultimo momento, dovete solo comporre l’antipasto.

 

 

Sformatini di patate, speck e taleggio

Sformatini di patate, speck e taleggio

Ancora, dei piccoli sformatini di patate con speck, taleggio e nocciole: si preparano prima e si devono solo scaldare in forno prima di servirli.

 

 

 

ddd

Mini quiche di carciofi

Infine, delle mini quiche di carciofi in pasta fillo. Anche queste sono deliziose da vedere e da mangiare e si preparano prima, poi è sufficiente scaldarle.

 

 

 

Risotto alla zucca e Castelmagno

Risotto alla zucca e Castelmagno

Due i primi piatti che vi propongo, ma potete anche scegliere di farne uno solo. Il primo è un risotto tradizionale ma con una marcia in più: risotto alla zucca con pistacchi di Bronte e Castelmagno. Saporito, bellissimo da vedere, con uno degli ortaggi invernali più amati.

 

Lasagne ai porcini, bacon e burrata

Lasagne ai porcini, bacon e burrata

Poi una lasagna in bianco con funghi porcini, bacon e burrata: saporita ma non pesante come quella tradizionale, ha tutto il profumo dei funghi porcini e la freschezza della burrata. La preparazione potete farla il giorno precedente e tenere la teglia nel frigorifero, poi ammorbidire tutto con poco brodo vegetale e cuocere in forno prima di servirla.

 

Arrosto di maiale all'uva con patate dolci

Arrosto di maiale all’uva

Come secondo piatto un arrosto di maiale con l’uva: facile, economico e beneaugurante. Lo cuocete la sera prima e lo servite freddo con il suo sugo ben caldo.

 

 

 

Cipolle in agrodolce

Cipolle in agrodolce

Come accompagnamento vi suggerisco delle cipolline in agrodolce che, con la loro nota balsamica, prepareranno il palato al dolce.

 

 

 

bavaresealpistacchioLOGO2Infine il dolce: una bavarese al pistacchio con croccante e salsa al cioccolato fondente. I dolci al cucchiaio fanno la gioia di grandi e piccini e si mangiano volentieri anche dopo un pasto abbondante. In più, ovviamente la bavarese si deve preparare almeno un giorno prima, meglio due giorni, e vi lascia quindi tempo per pensare a voi e farvi belle per il vostro pranzo di Natale!

Dai una occhiata anche a...

7 comments

gisella miceli 10 Dicembre 2013 at 18:35

ciao aduzza cara,anch’io preparo sempre due primi.
scelgo sempre una zuppa calda e il classico primo con salmone affumicato rigorosamente bio.
i tuoi piatti mi metteno tanto appetito e sano desiserio di cibo
brava
migrante siciliana

Reply
Siciliani creativi in cucina 10 Dicembre 2013 at 21:03

Ciao Gisella! Noi siciliani, emigrati e non, manteniamo la cultura dell’abbondanza a tavola! Sono veramente felice che i miei piatti mettano appetito, è il complimento più bello! A presto, Ada

Reply
Simona 10 Dicembre 2013 at 14:19

Bellissimo menu!

Reply
Enrica 10 Dicembre 2013 at 09:55

Un menù perfetto e particolare brava Ada e buona giornata!

Reply
Siciliani creativi in cucina 10 Dicembre 2013 at 11:19

Grazie Enrica! Particolare e abbondante direi, come ogni cosa siciliana!!! Un abbraccio, Ada

Reply
ketti 9 Dicembre 2013 at 17:30

Ada ,il tuo è un menù da Re!!! Importante,vario e ricchissimo di sapori!
complimenti sempre!
Ketti <3

Reply
Siciliani creativi in cucina 9 Dicembre 2013 at 17:33

Grazie Ketty, sei un tesoro sempre! Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.