Home » Granita messinese fragole e panna (cremolata)

Granita messinese fragole e panna (cremolata)

Buona come al bar, ricetta di una messinese Doc

by Ada Parisi
5 min read
Granita messinese alla fragola (cremolata)

Come fare in casa la granita messinese (siciliana) con fragole e panna con e senza gelatiera

Oggi vi spiego come fare in casa la vera e autentica granita siciliana o meglio la granita messinese con fragole e panna, detta anche ‘cremolata‘. La granita è una delizia dolce tipica della Sicilia ma, in realtà, vi posso assicurare che la granita siciliana più buona è di gran lunga quella messinese. Anche se non posso non citare due specialità catanesi: la granita al pistacchio verde di Bronte Dop e la granita alla mandorla di Avola.

In questa VIDEO RICETTA vi mostro quanto è semplice da preparare e golosa da gustare la granita siciliana alle fragole. Se vi va, iscrivetevi al mio canale You Tube. Da ricordare che a Messina la granita a base di frutta fresca frullata si chiama anche “cremolata”, ad esempio quella di fragole, gelsi o pesca. Mentre la granita a base di liquidi come il caffè o il limone, oppure a base di frutta secca come mandorle o pistacchio, si chiama semplicemente granita.

Granita siciliana: come prepararla in casa buona come al bar

Da Messinese Doc sono però convinta che la granita messinese sia, in linea generale, la migliore della Sicilia. Innanzitutto per la straordinaria varietà di gusti che spaziano ben oltre la classica granita al limone, alla fragola e al caffè. A Messina potrete assaggiare granite ai gelsi, al cioccolato, alla nocciola, alla ricotta, alla pesca, melone Cantalupo, al pistacchio, alla mandorla (anche tostata) o alla cannella.

E la consistenza è unica: perché la granita messinese è fluida e cremosa, non è compatta e solida. Man mano che la mangiate diventa quasi liquida e si mescola alla panna montata, che è sempre abbondante, non troppo montata e molto dolce.  Infine, la BRIOCHE CON IL TUPPO è una specialità messinese e rende la granita una esperienza totalizzante e paradisiaca. Insomma, se non assaggiate la granita messinese, non avete mai mangiato una vera granita siciliana.

Come fare la granita siciliana con e senza gelatiera

Il metodo migliore per preparare la granita siciliana e messinese in particolare è utilizzare una gelatiera, che sia auto refrigerante o elettrica. Però vi lascio nella ricetta anche le istruzioni per fare la granita in casa senza gelatiera: dovrete solo avere l’accortezza di mescolare la granita frequentemente e consumarla in giornata. Visto che siamo in stagione di fragole, date una occhiata a tutte le mie RICETTE DOLCI CON LE FRAGOLE, come il GELATO DI FRAGOLE (con o senza gelatiera) . O il TIRAMISU’ FRAGOLE E RICOTTA oppure il GELO SICILIANO DI FRAGOLE E PANNA.

Piccolo vademecum su come ordinare una granita a Messina

Sei a Messina e vuoi ordinare una granita al bar? Attenzione, ha bisogno sicuramente di qualche consiglio: se ordini una “mezza con panna” otterrai una granita dove la quantità di granita alla frutta è uguale a quella di panna. Se ordini una “granita macchiata” avrai una granita con poca panna . Se chiedi una  “panna macchiata” ti serviranno un bicchiere con panna, un paio di cucchiaiate di granita e altra panna. A tuo rischio e pericolo!

Granita messinese alla fragola (cremolata)

Granita messinese fragole e panna (cremolata)

Porzioni: 6 Preparazione: Cottura:
Nutrition facts: 250 calories 20 fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Ingredienti

500 grammi di fragole fresche (peso al netto degli scarti)

100-120 grammi di zucchero semolato

250 millilitri di acqua minerale naturale

il succo di mezzo limone

250 millilitri di panna liquida fresca da montare

80 grammi di zucchero a velo

Procedimento

Come vedete nella VIDEO RICETTA la granita messinese alle fragole o cremolata è molto semplice da preparare. Vi do due alternative: con la gelatiera (elettrica o auto refrigerante) o senza gelatiera.

Innanzitutto prepariamo la soluzione di acqua e zucchero: mettere in una casseruola l'acqua minerale e lo zucchero semolato, portare a ebollizione per 2  minuti e lasciare raffreddare completamente.

Lavare bene le fragole, eliminare il picciolo e eventuali parti ammaccate, tagliarle in pezzi e frullarle. A questo punto, se volete, potete passare il liquido al setaccio per eliminare i semini delle fragole. Normalmente in Sicilia la granita contiene i semini e quindi io non li tolgo. Aggiungere alle fragole frullate il succo di limone. Quando la soluzione di acqua e zucchero sarà fredda, unirla al composto di fragole mescolando bene.

GRANITA MESSINESE ALLE FRAGOLE CON LA GELATIERA 

Se avete la gelatiera elettrica o auto refrigerante, vi consiglio di raffreddare bene il composto di fragole, limone e zucchero in frigorifero, per almeno 6 ore. Quando sarà ben freddo, versarlo nella gelatiera e azionarla alla minima velocità. Il risultato che dovete ottenere è un composto sodo ma fluido, non un gelato e neanche un sorbetto. La cremolata di fragole e la granita messinese in genere è fluida e morbida, non somiglia ad altre granite siciliane, come la catanese, che è tanto compatta da sembrare un gelato.

Mentre la granita si raffredda, montare la panna con lo zucchero a velo. Attenzione, non montatela a neve ferma. Dovete ottenere una panna semi-montata, morbida come quella che vedete nella video ricetta. Una volta che la granita è pronta, servitela immediatamente. Vi suggerisco di tenere i bicchieri in frigorifero per un paio d'ore in modo che la granita mantenga la sua temperatura.

Riempite i bicchieri con la granita alla fragola per tre quarti e completate con la panna montata. Servite, ovviamente, con le BRIOCHE CON IL TUPPO siciliane preparate con la mia ricetta.

GRANITA MESSINESE ALLE FRAGOLE SENZA LA GELATIERA 

Una volta che avete amalgamato il succo di fragole e limone con la soluzione di acqua e zucchero, mettere il composto in uno stampo basso e largo e riporlo nel congelatore per almeno 2 ore, mescolando di frequente e in profondità in modo da rompere eventuali cristalli di ghiaccio. La granita deve avere una consistenza morbida e fluida, non deve gelare né presentarsi a blocchi, scaglie o con cristalli di ghiaccio.

Riempite i bicchieri con la granita alla fragola per tre quarti e completate con la panna montata. Servite, ovviamente, con le BRIOCHE CON IL TUPPO siciliane preparate con la mia ricetta. Buon appetito!

Note

IL SUGGERIMENTO: cercate di preparare l'esatta quantità di granita che volete consumare, perché sia che la facciate con la gelatiera sia senza, una volta che la conserverete in frigorifero gelerà e, anche scongelata o frullata, non avrà più il gusto e la consistenza corretta. Il massimo che potrete fare è gustarla come fossero dei ghiaccioli.

Hai provato questa ricetta?
Se ti è piaciuta taggami su Instagram @sicilianicreativi

Hai già visto queste ricette?

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web. * By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.