fbpx

Frolla di Natale

Frolla di Natale

Delizioso centro tavola mangereccio, regalo o semplicemente dolce da fine pasto per i menu natalizi: la frolla di Natale è talmente buona che non ne avanzerà neanche un pezzetto. La ricetta base è quella della friabilissima pasta frolla scozzese (shortbread), preparata tradizionalmente solo con burro, zucchero, sale e farina. Io ho arricchito la ricetta scozzese con ingredienti tipicamente natalizi e italiani: canditi e frutta secca, come vuole la tradizione. Ricordo ancora i grandi vassoi a disposizione per tutto il periodo natalizio con noci, nocciole, mandorle, pistacchi, canditi, scorze di arancia al cioccolato, fichi secchi. Una tentazione irresistibile: noi bambini facevamo a turno per andare a rubare un po’ di noci o canditi e mangiavamo tutto il giorno senza interruzione. E se non avete ancora definito i vostri menu natalizi, date una occhiata allo SPECIALE RICETTE E MENU DI NATALE e alle compilation di ricette:

Frolla scozzese e frolla bretone

La frolla scozzese è la base di uno tra i biscotti più buoni al mondo, ovvero gli shortbread: sicuramente avrete assaggiato quelli di una nota marca venduta anche nei supermercati. Burro al quadrato e un pizzico abbondante di sale rendono gli shortbread scozzesi davvero irresistibili. Gli shortbread per me sono primi nella classifica dei biscotti più buoni, pari merito con i meravigliosi e friabilissimi PALET BRETONS, ovvero i biscotti di frolla bretone, che vi invito caldamente a provare. E se amate preparare e regalare biscotti Natale è il vostro momento: date una occhiata a tutte le mie ricette di BISCOTTI NATALIZI.

Le differenze principali tra i tre tipi di pasta frolla sono soprattutto nel diverso bilanciamento degli ingredienti. La frolla scozzese non prevede l’uovo ed ha una quantità di burro pari a quella della farina. La frolla bretone, invece, contiene tuorli e burro, in quantità decisamente superiore a quella della farina. La PASTA FROLLA ITALIANA è la più bilanciata: contiene le uova e il burro è pari, solitamente, a circa la metà della farina. I risultati sono completamente diversi a secondo della frolla che scegliete.

Questa frolla di Natale rotonda di fatto è un ritorno al passato, perché anticamente la frolla scozzese non era divisa in pezzi (ovvero i biscotti) ma era preparata in una tortiera e in forma rotonda, decorata con stampi a pressione a forma di cardo o di sole. La si tagliava a fette triangolari una volta in tavola. Non sconvolgetevi per il peso del burro, pari a quello della farina. Per ottenere il risultato perfetto, così deve essere.

I miei trucchi per una Frolla di Natale perfetta

In questa caso, per rendere la frolla più croccante, ho aggiunto anche una piccola quantità di farina di mais. Tra le ricette natalizie quelle di biscotti o comunque dolci a base di pasta frolla sono tra le più amate, anche per la loro relativa semplicità di esecuzione. E la frolla di Natale non fa eccezione. L’unico trucco è raffreddare perfettamente la frolla prima della cottura: lasciatela 2-3 ore (ma anche di più se volete) nel frigorifero. Inoltre, per fare in modo che la frutta secca non si scurisca eccessivamente, vi consiglio di cuocere la pasta frolla prima coperta da carta alluminio, in modo che cuocia senza scurire troppo, e solo alla fine scoperta, per ottenere la doratura caratteristica. E ora vi auguro buona giornata!

FROLLA DI NATALE

Print This
PORZIONI: 6 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 220 grammi di farina 00
  • 30 grammi di farina gialla di mais
  • 80 grammi di zucchero semolato
  • 250 grammi di burro freddo
  • PER DECORARE LA FROLLA:
  • mandorle, quanto basta
  • nocciole, quanto basta
  • pistacchi, quanto basta
  • noci, quanto basta
  • arance, mandarini, fichi o ciliegie candite, quanto basta
  • uva passa, ribes rosso disidratato o fichi secchi, quanto basta

PROCEDIMENTO

Frolla di Natale

La preparazione della frolla di Natale è molto semplice, dovete solo rispettare i tempi di riposo dell’impasto in frigorifero. Setacciare la farina di mais e la farina doppio zero, metterle in una ciotola o sul piano di lavoro insieme al sale e allo zucchero semolato. Miscelare le polveri e aggiungere il burro freddo tagliato a dadini.

Lavorare farine e burro con la punta delle dita finché il composto non avrà l’aspetto di grosse briciole. Poi lavorarlo ancora per pochi minuti con il palmo della mano fino ad ottenere un impasto morbido e liscio, con il burro perfettamente inglobato. Stendere la frolla scozzese di Natale su una superficie leggermente infarinata con il mattarello, in modo da poterla inserire in uno stampo di 22-24 centimetri circa di diametro, ben imburrato e infarinato. A questo punto, appiattire la frolla con la punta delle dita finché non toccherà i bordi dello stampo riempiendolo completamente. Bucherellare delicatamente la frolla con i rebbi di una forchetta e guarnirla con la frutta secca e candita, distribuendola in modo armonico sul dolce. Vi suggerisco di creare dei cerchi concentrici di frutta, partendo da quello più esterno, come vedete nelle foto.

Mettere la frolla di Natale in frigorifero per almeno 2 ore, ma anche di più se avete tempo. Una volta che la frolla scozzese è fredda, preriscaldare il forno a 160 gradi statico. Coprire la frolla con la carta alluminio e cuocere per 35 minuti, poi scoprire il dolce e proseguire la cottura per altri 10 minuti o finché la superficie non sarà leggermente dorata. Sfornare e lasciare raffreddare completamente. Potete spolverizzare il dolce con zucchero a velo o zucchero semolato prima di servire, oppure lucidarlo con un po’ di miele riscaldato. A me piace così, rustico. Mettetelo a centro tavola o servitelo insieme al dolce con un vino passito. Buon appetito!

Frolla di NataleFrolla di Natale
Frolla di NataleFrolla di Natale

Potrebbero piacerti anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.