Crostata di marmellata, cotogne e cioccolato

Crostata di mele cotogne e cioccolato. Una crostata decisamente invernale per i golosi, anzi, per chi non riesce a resistere al cioccolato, ma anche alla marmellata e alle cotogne. Cioè per me. Infatti questo dolce me lo sono letteralmente cucita addosso: pasta frolla al cioccolato, marmellata di mele cotogne e sapa, mele cotogne cotte in uno sciroppo di Marsala e cannella e ganache al cioccolato fondente. Non ho parole per descrivere l’erotismo (ho detto proprio erotismo) di questo dolce che ho intenzione di rifare per il menù della cena di Natale: non è giusto che ne abbia tratto soddisfazione solo io…

Ingredienti per una tortiera da 24 centimetri circa: 

  •  250 grammi di pasta frolla al cioccolato (per prepararla seguite la ricetta cliccando qui sulle basi e aggiungete all’impasto 20 grammi di cacao amaro, un pizzico di cannella e 20 grammi di zucchero)
  • 2 mele cotogne
  • cannella quanto basta
  • 1 chiodo di garofano
  • lo stesso peso delle cotogne in zucchero
  • 100 millilitri di Marsala secco
  • 250 grammi di cioccolato fondente
  • 250 millilitri di panna liquida fresca
  • 10 grammi di burro
  • 250 grammi di marmellata di cotogne e sapa

Sbucciare, lavare e fare a fettine non troppo sottili le mele cotogne. Metterle in una casseruola con il Marsala, una quantità di zucchero pari a quella delle mele, la cannella e il chiodo di garofano: coprire con acqua e fare cuocere finché le cotogne non saranno tenere (circa 40 minuti). Mettere le cotogne in uno scolapasta con un peso sopra per togliere l’acqua in eccesso e farle raffreddare completamente.

Imburrare e infarinare con cura la tortiera, stendervi la pasta frolla facendo un bordo alto circa 3 centimetri  e cuocerla in bianco in forno statico a 180 gradi per 20 minuti (in bianco vuol dire mettendo sopra la pasta frolla un foglio di carta forno o di alluminio e sopra dei legumi secchi o del riso). Una volta cotta, lasciarla raffreddare.

Per la ganache, tritare al coltello il cioccolato fondente, versare in un pentolino la panna e portarla a ebollizione, poi versarla sul cioccolato mescolando velocemente fino a ottenere un composto denso, scuro e completamente liscio. Unire il burro e mescolare finché non sarà sciolto: questo renderà la ganache più lucida.

Coprire il fondo della crostata con la marmellata di cotogne e sapa, adagiare sopra la marmellata le mele cotogne distribuendole uniformemente su tutta la torta e, infine, versare a copertura la ganache di cioccolato fondente, arrivano a pochi millimetri dal bordo. Mettere il dolce nel frigorifero finché la ganache non sarà diventata solida. Ricordatevi che, per gustarla al meglio, dovete tenere la crostata a temperatura ambiente per 15 minuti prima di servirla.

L’ABBINAMENTO: Il gusto prevalente del cioccolato in questo suggerisce un abbinamento classico con un Barolo chinato. Abbiamo scelto quello prodotto dall’azienda piemontese Cordero di Montezemolo: un vino dai profumi speziati, tra cui liquirizia, maggiorana e coriandolo; con un busto morbido e un finale dolciastro, molto persistente.

 

Dai una occhiata anche a...

4 comments

Michele 18 Febbraio 2014 at 12:18

Tra le ricette dolci integrali, quelle fatte con la confettura di mele cotogne sono sicuramente le mie preferite. Oltre questa crostata che ho provato ed è buonissima, consiglio il dolce minuetto, che si fa con la stessa marmellata, orzo e chiodi di garofano. Buonissima!!!

Reply
Siciliani creativi in cucina 18 Febbraio 2014 at 12:22

Ciao Michele, benvenuto e grazie! Non lo conosco questo dolce, orzo e chiodi di garofano li metti nell’impasto? Mi dai la ricetta??? 🙂 Ada

Reply
simona 5 Dicembre 2013 at 23:07

Con questa crostata mi hai proprio conquistata!!!!!! Posso solo immaginare quanto sia deliziosa!!!!!!:) un bacione Ada!!!!! Buonanotte!!

Reply
Siciliani creativi in cucina 5 Dicembre 2013 at 23:31

Grazie Simona! Se ti ho conquistata te ne mando due tortiere!!! Un abbraccio, Ada

Reply

Rispondi a simona Cancel Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.