fbpx

Crostata a strati

Crostata a strati

Crostata a strati con confettura: ovvero come realizzare il sogno proibito di tuo padre. Mangiare una crostata che ha al suo interno altre tre crostate, in pratica la “matrioska delle crostate”. Scherzi a parte, la crostata a strati, che sicuramente avete visto già in giro sul web o sui social, è davvero buona e semplice da preparare. Perfetta per ricominciare ad accendere il forno in questi primi giorni di ottobre e di autunno, così da riabituarci piano piano al dolce del fine settimana.

Consigli per una crostata a strati perfetta

Io ho utilizzato la mia ricetta classica della PASTA FROLLA, a base di burro, alla quale ho aggiunto un cucchiaino di lievito in polvere per dolci. Questo perché una leggera lievitazione permetterà agli strati interni del dolce di diventare più leggeri e, di conseguenza, di cuocere meglio. Non esagerate, però, con il lievito, perché altrimenti la superficie del dolce in cottura, lievitando, si sformerà perdendo la bella forma che gli avete dato.

L’unico difetto di questo dolce, infatti, è che rimanga poco cotto al centro. La cottura deve avvenire in forno a una temperatura inferiore alla solita, 170 gradi per 30 minuti e altri 30 minuti a 160 gradi. Vi consiglio anche di non spennellare la crostata con il tuorlo d’uovo, perché colorirebbe troppo in fretta: io ho spennellato la superficie con poco latte e l’ho spolverizzata con zucchero semolato. Anzi, qualora vi rendeste conto la la crostata durante la cottura colorisce eccessivamente, coprite la superficie con un foglio di carta alluminio. Ovviamente, se amate le crostate, che sono tra i dolci più semplici e versatili che esistano, date una occhiata a tutte le mie RICETTE DI CROSTATE, come la CROSTATA LEGGERA DI FRAGOLE e la CROSTATA AL CIOCCOLATO BIANCO CON LIMONE E PISTACCHIO.

Il procedimento è semplicissimo: basta dividere il normale panetto di pasta frolla in 4 o 5 parti (a secondo del numero di strati che volete fare) e alternare in una teglia per crostate a cerniera strati di pasta frolla e confettura. Potete usare la confettura che preferite: io ho utilizzato quella di visciole, gradevolmente acidula, che rende la crostata a strati meno stucchevole. Avete già comprato gli ingredienti? Buona giornata!

Crostata a strati: confettura e pasta frolla si alternano in un dolce golosissimo

CROSTATA A STRATI (ricetta facile)

Print This
PORZIONI: 8 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • DOSI PER UNA TORTIERA DA 20-22 CM DI DIAMETRO:
  • 300 grammi di farina 00
  • 140 grammi di zucchero semolato
  • 140 grammi di burro
  • un pizzico abbondante di sale
  • latte intero, quanto basta
  • 2 tuorli
  • un cucchiaino di lievito (6 grammi circa)
  • la scorza di un limone biologico
  • la vostra confettura preferita, quanto basta
  • latte e zucchero semolato per spolverizzare il dolce, quanto basta

PROCEDIMENTO

Per preparare la crostata a strati, dovete innanzitutto fare la pasta frolla. Mettere sul piano di lavoro la farina setacciata con il lievito, il sale, la scorza di limone grattugiata, i tuorli, lo zucchero, i tuorli e il burro freddo tagliato a dadini. Iniziare a impastare con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto grossolano. Poi aggiungere tanto latte quanto necessario per ottenere un panetto liscio, omogeneo, compatto e senza grumi. Avvolgete la pasta frolla nella pellicola per alimenti e conservate il panetto in frigorifero per almeno 30 minuti.

Preriscaldate il forno a 170 gradi statico. Imburrare e infarinare con cura la tortiera. Vi suggerisco di usare una tortiera apribile, in modo da potere estrarre facilmente questa crostata che, essendo composta da diversi strati, è piuttosto pesante. Dividere l’impasto in 4 o 5 pezzi, a secondo del numero di strati che volete fare. Se questa è la prima volta che preparate la crostata a strati, vi suggerisco 4 strati. Con il mattarello, ricavare una sfoglia sottile da un pezzo di impasto un po’ più grande degli altri. Rivestire con uno strato di pasta frolla la tortiera, anche sui lati. Bucherellare leggermente il fondo per favorire la cottura della pasta frolla. Distribuire un po’ di confettura sulla pasta frolla.

Crostata a strati: confettura e pasta frolla si alternano in un dolce golosissimo


Crostata a strati

Non esagerate con la confettura, altrimenti gli strati interni del dolce potrebbero non cuocere a sufficienza. Coprite la confettura con un secondo strato di pasta frolla, bucherellate nuovamente e aggiungete ancora confettura. Fate un altro strato di pasta frolla (il terzo) e completate con il resto della confettura. A questo punto, rifinite la crostata a strati come se fosse una crostata normale. Fate un bordino sul lati e poi ricavate una sfoglia da cui ritagliare la strisce.

Crostata a strati

Distribuire le strisce di pasta frolla sulla crostata, spennellare al superficie con poco latte intero e spolverizzare le strisce di pasta frolla con un po’ di zucchero semolato, meglio se extra fino.

Cuocere la crostata a strati in forno preriscaldato a 170 gradi per 30 minuti e poi abbassare a 160 gradi per altri 30 minuti circa. Controllate che la crostata non scurisca eccessivamente all’esterno. Se doveste vedere che la superficie diventa troppo scura, copritela con un foglio di alluminio. Una volta cotta, lasciate raffreddare la crostata completamente prima di estrarla dalla tortiera. Buon appetito!

Crostata a strati
Crostata a strati

Potrebbero piacerti anche

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.