Polpette di pecorino alla siciliana (al forno)

Polpette di pecorino alla siciliana. L’ingegno culinario dei contadini siciliani mi stupisce sempre. Oggi vi spiego come fare un piatto praticamente con nulla: un po’ di pane vecchio, del formaggio grattugiato, un uovo, una manciata di erbe aromatiche. Le polpette di pecorino sono fatte davvero solo di pecorino e poco altro: sono ovviamente molto, molto saporite e una tira l’altra. nella versione che vi presento sono cotte al forno, ma se volete rompere gli indugi e friggerle io e le polpette ve ne saremo grati. Devo ammettere, però, che la cottura in forno non le penalizza: il risultato sarà forse un po’ meno soffice che fritte, ma saranno comunque croccanti fuori e abbastanza morbide all’interno. La salsa di pomodoro piccante è un abbinamento perfetto: servite le polpette calde e tuffatele nel pomodoro prima di mangiarle, vedrete che – una volta di più – la semplicità paga. Servitele come sfizioso finger food di antipasto, oppure come secondo piatto con una insalata. Buona giornata dalla Sicilia, perché sono finalmente a casa per qualche giorno!

POLPETTE DI PECORINO ALLA SICILIANA, Al FORNO (ricetta siciliana)

Print This
PORZIONI: 4 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • 250 grammi di pecorino siciliano Dop grattugiato (o comunque un pecorino non troppo fresco né troppo stagionato)
  • 150 grammi di pane raffermo (solo mollica)
  • latte per bagnare il pane, quanto basta
  • uno spicchio di aglio
  • 2 uova piccole
  • sale e pepe, quanto basta
  • timo e/o basilico freschi, quanto basta
  • olio extravergine di oliva, quanto basta
  • pane grattugiato per impanare le polpette, quanto basta
  • per la salsa
  • 300 millilitri di salsa di pomodoro
  • olio extravergine di oliva
  • sale: quanto basta
  • peperoncino: quanto basta
  • uno spicchio di aglio

PROCEDIMENTO

Prima di iniziare a preparare le polpette di pecorino, preriscaldare il forno a 200 gradi statico.

Lavare le erbe aromatiche e l’aglio e tritarle finemente. Mettere in una ciotola un po’ di latte e il pane, e lasciarlo a bagno finché non si sarà ammorbidito, quindi strizzarlo e metterlo in una ciotola capiente. Aggiungere il pecorino grattugiato, le uova, l’aglio, sale e pepe (assaggiate perché il pecorino di per sé è molto saporito) e lavorare con la punte delle dita fino a ottenere un impasto omogeneo. Non dovete lavorarlo troppo altrimenti le polpette risulteranno dure.

Con le mani leggermente inumidite, formare delle polpette della grandezza che preferite: io le faccio grandi quanto una pallina da ping pong. Rivestire una teglia da forno con carta forno, quindi spennellarla con olio extra vergine di oliva. Passare le polpette in un velo di pane grattugiato e disporle sulla teglia. Irrorare con un filo di olio extravergine e cuocere per 30 minuti (girandole a metà cottura) o finché le polpette non saranno uniformemente dorate. Negli ultimi 5 minuti di cottura passate alla funzione forno ventilato.

Se preferite, potete seguire il procedimento che vi ho indicato e alla fine friggere le crocchette di pecorino in olio di semi di arachide anziché cuocerle in forno.

Per la salsa, mettere in un tegame l’olio, l’aglio e il peperoncino. Rosolare a fuoco basso finché l’aglio non sarà imbiondito, quindi aggiungere la salsa di pomodoro. Salare e cuocere finché il sugo non sarà ben ristretto.

Servire le polpette rigorosamente calde, accompagnate con il sugo di pomodoro. Buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Ricetta siciliana, vino dell’Alto Adige. In particolare, quello coltivato sulle rive del Lago di Caldaro da Kellerei Kaltern. Il vino è rosso, è chiamato “Pfarrhof” ed è ottenuto da un blend di vitigni autoctoni (Schiava per il 95% e Lagrein per il 5%). La sua freschezza gustativa lo rende facilmente abbinabile a piatti semplici come questo. Le sue note olfattive vanno dalla ciliegia al lampone. Il sapore è delicato ed equilibrato, grazie a una trama di tannini che rende piacevole la degustazione. Va servito fresco, intorno ai 12-15 gradi di temperatura.

Dai una occhiata anche a...

4 comments

alessandro 1 Luglio 2016 at 11:43

ciao 🙂
io adoro le sue ricette……buonissime!!
una domanda ….posso usare il pecorino romano?
dove vivo in inghilterra non trovo il pecorino siciliano.
grazie 🙂

Reply
Ada Parisi 1 Luglio 2016 at 14:59

Ciao Alessandro, ovviamente dammi del tu! Ti ringrazio per le tue belle parole! Certo che puoi usare il pecorino romano ma ricorda che é molto salato e quindi assaggia prima di regolare il sale e tieni il pane un po’ più umido e bagnato di latte così le polpette non saranno troppo asciutte. Fammi sapere. Ada

Reply
alessandro 7 Luglio 2016 at 00:03

Ciao Ada 🙂
grazie per la tua risposta, sara’ il mio piacere farti sapere come vengono.
grazie e a presto 🙂
Alessandro

Reply
Ada Parisi 7 Luglio 2016 at 09:59

Grazie Alessandro. E ricorda che le polpette sono anche una questione di ‘occhio’: l’impasto deve risultare morbido, non duro. Quindi oltre alle dosi usa il ‘tatto’. Fammi sapere. Ada

Reply

Rispondi a alessandro Cancel Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.