Crème brulée

Uno dei dolci preferiti in famiglia: la crema cotta, più nota come crème brulée. Quando mio padre, mio fratello o il mio compagno la trovano nelle carte dei dessert la prenotano all’inizio del pasto, temendo che poi finisca. Potevo sopportare una cosa simile? Assolutamente no, e quindi mi sono organizzata per prepararla in casa. La ricetta che ho scelto, dopo averne vagliate molte, è quella di Maurizio Santin: pochi ingredienti eccellenti per un risultato straordinario. Croccante fuori (come ho potuto vivere anni senza possedere il cannellino per caramellizzare lo zucchero???) e cremosissima dentro. Eccezionale. Senza contare il fatto che si prepara veramente in 5 minuti, oltre alla cottura: è un dolce che possono fare tutti, con un risultato sempre da acquolina in bocca.

<!–more–

Ingredienti per 6 persone:

  • 540 millilitri di panna liquida fresca
  • 120 grammi di tuorli
  • 70 grammi di zucchero semolato
  • 60 millilitri di latte intero fresco
  • una bacca di vaniglia Bourbon
  • zucchero di canna quanto basta per la caramellizzazione

Tagliare a metà la bacca di vaniglia e rimuovere i semi con la punta di un coltello. Mettere in una ciotola i tuorli e lo zucchero e mescolare con un cucchiaio finché non si sarà amalgamato il tutto. Versare in un pentolino la panna e il latte, unire i semi di vaniglia e portare a bollore, quindi versare sul composto di uova mescolando con una spatola.  Filtrare e versare il composto (sarà completamente liquido, ma non preoccupatevi) nelle cocotte o nelle verrine riempiendoli quasi a filo.

Preriscaldare il forno a 140 gradi statico. Mettere gli stampini in una teglia e riempirla con acqua calda fino a 2/3 di altezza: infornare e cuocere finché, toccando la crema con la punta di un dito, la superficie non opporrà una morbida resistenza- Iniziate a controllare dopo circa 30 minuti di cottura.

Lasciare intiepidire e conservare la crema nel frigorifero fino al momento di servire. Il tocco finale è la crosticina croccante: cospargere la superficie della crema con lo zucchero di canna e caramellare il tutto con il cannellino. Se non lo avete, potete preriscaldare il forno in funzione grill al massimo della temperatura e mettere la crema sotto il grill per due minuti, finché lo zucchero non sarà caramellato.

Dai una occhiata anche a...

6 comments

Staffetta in cucina 9 Ottobre 2014 at 17:44

Ciao Ada, troppo belle queste coppette!!!! e anche buone ovviamente…
Dobbiamo subitissimo comprare il cannello!
Baci
Alessia&Tiziana

Reply
Siciliani creativi in cucina 10 Ottobre 2014 at 17:39

Certo che dovete comprare il cannello, come avete resistito senza fino ad oggi???? Un abbraccio, Ada

Reply
Isabel 22 Settembre 2014 at 15:05

Sigh sob sob…ma come si fa a resistere a questa meraviglia! Ci credo che è il dessert preferito di tutti! Non ho il cannellino, putroppo , ma prima o poi me lo faccio regalare!!!
Ciao Isabel

Reply
Siciliani creativi in cucina 23 Settembre 2014 at 15:53

Ciao Isabel, pare proprio che i dolci al cucchiaio facciano breccia in molti cuori…. Corri a farti regalare il cannellino, ma attenzione perché dà dipendenza… ti abbraccio, Ada

Reply
Stefania 21 Settembre 2014 at 08:24

Ho appena comprato le ciotole in ceramica per fare la crème brulée, stavo per cominciare la ricerca della ricetta giusta ed arrivi tu…trovata! Grazie!! E…concordo, il cannello dà dipendenza ;P

Reply
Siciliani creativi in cucina 21 Settembre 2014 at 12:13

Ciao Stefania, allora fammi sapere! Io cannellerei anche il cappuccino! Buona giornata, ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.