fbpx

Coda di rospo con pistacchi, nocciole e tapenade di capperi

Un piatto semplice semplice ma saporito e, se state preparando una cena di pesce per degli ospiti, vi farà fare un figurone: coda di rospo in crosta di nocciole e pistacchi con una tapenade di capperi e prezzemolo. La coda di rospo, un pesce dalla consistenza straordinaria, si soffrigge in padella per rendere croccante la frutta secca, e poi finisce la cottura in forno. Per la tapenade è sufficiente pestare tutti gli ingredienti al mortaio o, se non l’avete, tritare grossolanamente tutti gli ingredienti al mixer, ed esercitarsi con due cucchiai a fare una bella quenelle. Sperimentate gente, sperimentate.

Ingredienti per 4 persone: 

per la coda con frutta secca

  • 4 fette di coda di rospo alte 1,5 centimetri l’una
  • 50 grammi di nocciole
  • 50 grammi di pistacchi di Bronte
  • olio extravergine di oliva quanto basta
  • sale quanto basta

per la tapenade di capperi:

  • 30 grammi di capperi
  • 30 grammi di prezzemolo
  • succo di limone quanto basta
  • sale quanto basta
  • olio extravergine di oliva quanto basta per emulsionare la salsa

Preriscaldare il forno a 200 gradi statico. Tostare leggermente in una padella anti aderente i pistacchi e le nocciole e tritarli grossolanamente fino a ottenere una granella. Oliare bene da tutti i lati le fette di coda di rospo e poi passarle nella granella di frutta secca, pressando per farla aderire bene al pesce. Mettere in una padella un filo di olio di oliva extravergine e farlo scaldare, poi adagiarvi la coda di rospo e farla cuocere a fuoco medio 2 minuti per lato, in modo che la granella si fissi e diventi croccante. Adagiare le fette  di pesce su una placca da forno ricoperta di carta forno e fare cuocere per 10 minuti.

Per la tapenade mettete in un mortaio tutti gli ingredienti solidi e pestate fino a ridurli in un composto consistente, dove ancora si distinguano bene gli elementi: unire il succo di limone e tanto olio quanto necessario per avere una crema ben emulsionata e aggiustare di sale (assaggiate mi raccomando, perché i capperi sono molto sapidi).

Servire la coda di rospo con una quenelle di tapenade e decorare il piatto con un ciuffo di prezzemolo.

L’ABBINAMENTO: Bollicine da metodo Charmat per questa ricetta. Abbiamo scelto lo spumante rosato di La-Vis, cantina cooperativa del Trentino. La-Vis Rosé è prodotto con Chardonnay e Pinot Nero (al 15%) e si caratterizza per il gusto secco e sentori di frutti rossi. Un vino versatile che si adatta bene anche a questo piatto.

Potrebbero piacerti anche

6 comments

Silvia 24 Ottobre 2014 at 11:39

Complimenti per le tue ricette: il giusto connubio tra Sicilianità e creatività! Ogni volta che ne provo qualcuna rimango estasiata!

Reply
Siciliani creativi in cucina 24 Ottobre 2014 at 17:17

Ma grazie Silvia, veramente di cuore! Un caro saluto e spero di non deluderti mai! Ada

Reply
Mara 21 Novembre 2013 at 14:28

Ciao, una domanda da nordica:
I capperi sono sotto sale o aceto??

Ricetta splendida!

Grazie
Mara

Reply
Siciliani creativi in cucina 21 Novembre 2013 at 14:31

Ciao Mara, benvenuta e grazie! Io uso quelli sotto sale, da buona siciliana. Ma non vedo ostacoli all’uso di quelli sottaceto, anzi, la lieve acidità si sposa bene con il sapore delicato del pesce. Lavali bene e asciugali e penso che verrà buonissima! Un saluto, Ada

Reply
Maurizia 24 Giugno 2013 at 07:49

Splendido….. semplicemente plendido!
Bye
Maurizia

Reply
Siciliani creativi in cucina 24 Giugno 2013 at 14:38

Io arrossisco così…un bacio Maurizia!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.