Cestini di carasau con ratatouille di verdure al forno

Altro piatto con le mie amatissime verdure: oggi una ratatouille di patate, melanzane, cipolla, zucchine e peperoni, aromatizzata con un po’ di maggiorana fresca e servita in cestini di pane carasau (il pane tipico della Sardegna). Così, si mangiano sia il contenuto, sia il contenitore! Per la cottura delle verdure avete due alternative: le potete fare stufate fritte o le potete cuocere al forno. Io vi do la ricetta della seconda versione: è più leggera e rapida da fare, basta tagliare tutte le verdure e infornare. Devo però dire con sincerità che i colori delle verdure risaltano maggiormente se vengono fritte, e ciascuna separatamente, non insieme. E che fritte sono anche più saporite, anche se più grasse. Che ve lo dico a fare?

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 3 patate medie a pasta gialla
  • 2 zucchine verdi
  • 1 melanzana viola o nera
  • 1 cipolla dorata grande
  • 20 pomodori Pachino
  • olio extravergine di oliva: quanto basta
  • sale e pepe: quanto basta
  • erbe aromatiche fresche (maggiorana, origano, rosmarino, timo): quanto basta
  • 2 fogli di pane carasau
  • acqua: quanto basta
  • 4 cocotte o ciotole o contenitori che vadano in forno

Preriscaldare il forno a 200 gradi ventilato. Lavare le patate, pelarle e tagliarle a dadini. Lavare, pulire e tagliare a pezze anche i peperoni, la melanzana, le zucchine. Vi consiglio di tagliare a pezzi più grandi le zucchine e i peperoni, che cuociono meno, e a pezzi più piccoli le patate e la melanzana, che richiedono un tempo maggiore di cottura: grazie alle diverse dimensioni, tutte le verdure risulteranno cotte nello stesso momento. Affettare a rondelle non troppo sottili la cipolla. Lavare i pomodori e tagliarli a metà avendo cura di togliere l’acqua di vegetazione.

Distribuire uniformemente le verdure sulla placca da forno (usatene una grande quanto tutto il forno, perché le  verdure cuociono meglio se disposte su un solo strato), salare, pepare e irrorare di olio extravergine mescolando con cura il tutto. Distribuire sulle verdure le erbe aromatiche e infornare per 30 minuti rigirando ogni tanto le verdure nella placca da forno. Prima di tirare fuori la ratatouille dal forno controllare il sale ed eventualmente aggiustare il piatto e passare le verdure al grill per 5 minuti in modo che si formi una crosticina croccante.

Mentre le verdure intiepidiscono, preparare i cestini di pane carasau: disporre sul piano da lavoro i fogli di carasau e bagnarli uniformemente e abbondantemente con acqua fredda (io uso un pennello da cucina). Lasciarli riposare finché non si ammorbidiscono, poi dividerli a metà e rifilarli in modo da ottenere 4 tondi del diametro di 30 centimetri circa. Mettere sopra una placca da forno le 4 cocotte capovolte. Ungere bene la parte superiore e tutti i lati con olio extravergine, aiutandovi con un pennello da cucina. Disporre su ciascuna cocotte un foglio di carasau, in modo che i bordi siano sporgenti dalla cocotte. Infornare a 200 gradi per 3-5 minuti. Vi suggerisco di controllare la cottura, restando di fronte al forno, perché quando l’acqua sarà evaporata, il pane carasau brucerà immediatamente. Quindi, dovete controllare bene la cottura.  A fine cottura, sfornare e staccare con delicatezza il pane carasau dalle cocotte.

Per servire: riempire i cestini di pane carasau con la ratatouille, guarnire con delle foglie di erbe aromatiche e servire, accompagnando le verdure con altri fogli di pane carasau.

Dai una occhiata anche a...

11 comments

letizia 2 Novembre 2015 at 14:39

Ciao Ada, ho provato a rifare questa ricetta ma ho avuto problemi con il pane, una volta ammorbidito si spezzetta e se lo bagno di meno, resta duro e non riesco a dargli la forma. Sbaglio qualcosa?

Reply
Ada Parisi 2 Novembre 2015 at 14:53

Ciao Letizia, io non faccio niente di più di quello che ho scritto. Uso un pane carasau normale, da supermercato. Lo stendo su un foglio di carta forno, lo bagno uniformemente con l’acqua e lo lascio stare qualche minuto in modo che si imbeva bene. Poi lo metto su una ciotola e in forno. Non devi bagnarlo troppo, altrimenti si inzuppa, né troppo poco altrimenti si spezza. Bagna il giusto e aspetta che l’acqua faccia il suo lavoro. Fammi sapere. Ada

Reply
letizia 8 Novembre 2015 at 11:40

Grazie per la risposta Ada, riproverò!

Reply
Ada Parisi 8 Novembre 2015 at 17:56

Fammi sapere Letizia!

Reply
Simona 25 Novembre 2013 at 18:14

Ciao!Scusa l’ignoranza…dove lo trovo il pane carasau?
Simona
p.s: vivo in Sicilia!

Reply
Siciliani creativi in cucina 25 Novembre 2013 at 18:17

Ciao Simona! Siciliana anche tu che gioia! Allora, il pane carasau dovresti trovarlo, quantomeno, nei grandi supermercati tra i prodotti a marchio regionale, tipo Conad e dintorni o nelle gastronomie di un certo rilievo. Si può anche ordinarlo on line negli shop di prodotti tipici sardi, dura molto a lungo perché è disidratato. Puoi sostituirlo con la pasta fillo, anche questa la trovi in supermercati molto grandi al banco frigo e utilizzarla oliando una cocotte capovolta, mettendoci sopra più fogli di carta fillo sfalsati e infornando a 200 gradi per 10 minuti circa. Poi la stacchi dalla cocotte ed è un ottimo contenitore. Spero di esserti stata utile, Ada

Reply
donatella 9 Agosto 2018 at 13:06

ora nella grande distribuzione spesso si trova

Reply
Silvia 16 Ottobre 2013 at 20:21

Idea bellissima per servire questo contorno di verdure!
Ciao
Silvia

Reply
Sonia 16 Ottobre 2013 at 19:11

che bella idea! molto originale e bellissime foto! dammene un paio va.. così non cucino 😉 bacioni cara

Reply
giulia 16 Ottobre 2013 at 15:20

idea sfiziosissima!! e poi cm già hai detto il pane carasau è molto versatile ^_^ baci

Reply
Siciliani creativi in cucina 16 Ottobre 2013 at 15:24

Ciao Giulia! Ma grazie! A casa abbiamo scorte di carasau, vista la ‘sarditudine’ del mio compagno… e l’abbondanza stimola la fantasia!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.