Bavarese al caffè (senza uova)

Cosa c’è di meglio di una morbida bavarese al caffè, per concludere degnamente un buon pasto? Questa bavarese al caffè è anche senza uova, ancora più semplice da preparare: è necessario avere cura di mescolare con attenzione sia lo zucchero sia la gelatina affinché si sciolgano alla perfezione. Il mio consiglio è di preparare la bavarese al caffè il giorno prima, perché più sta in frigorifero a rassodare più è buona. Io ho voluto preparare la bavarese al caffè nello stampo di Nordic Ware che uso per i ciambelloni, ma se non siete esperti nello sformare dolci morbidi, vi consiglio di scegliere preferibilmente gli stampini piccoli in alluminio, quelli individuali: si sformano molto meglio. Prima di versare sulla bavarese al caffè la ganache al cioccolato, vi suggerisco di mettere il dolce in congelatore per almeno 15 minuti. Il cioccolato fuso, a contatto con la superficie fredda della bavarese, rassoderà immediatamente e non si creerà quella colata semiliquida ed antiestetica alla base del dolce Vi suggerisco anche di scaldare leggermente la salsa al cioccolato per guarnire il piatto: il contrasto caldo-freddo è piacevolissimo. Buona giornata!


BAVARESE AL CAFFE', SENZA UOVA (ricetta facile)

Print This
PORZIONI: 8 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • PER LA BAVARESE AL CAFFE' SENZA UOVA:
  • 300 ml di panna fresca
  • 200 ml di latte fresco intero
  • 150 grammi di zucchero semolato
  • 10 grammi di gelatina in fogli (5 fogli)
  • 3 tazzine di caffè ristretto
  • un cucchiaino di cacao amaro
  • PER LA SALSA AL CIOCCOLATO:
  • 60 grammi di cioccolato fondente al 70%
  • 60 millilitri di panna liquida
  • pistacchi di Bronte, quanto basta

PROCEDIMENTO

Bavarese al caffè, senza uova

Preparare la bavarese al caffè senza uova è facilissimo. Mettere la gelatina a mollo in acqua fredda per 15 minuti. Mettere nel freezer le fruste e il recipiente che vi serviranno per montare la panna.

In una casseruola amalgamare poco latte con lo zuicchero e il cacao amaro, quindi unire il resto del latte e il caffè. Scaldare a fuoco basso. Spegnere il fuoco prima che il liquido arrivi a bollore. Aggiungere la gelatina al composto di latte e caffè e mescolareciotola e lasciare a temperatura ambiente, in modo che il liquido si raffreddi.

Mentre il composto per la bavarese al caffè si raffredda, montare la panna (non a neve, dovete semi montarla, ossia ottenere una panna cremosa, non soda) e amalgamarla al composto ormai freddo utilizzando una spatola e facendo un movimento dall’alto verso il basso. Mi raccomando, la panna deve essere incorporata perfettamente e il composto diventare vellutato e di colore omogeneo.


Bavarese al caffè, senza uova

Versare il composto per la bavarese al caffè senza uova negli stampini e, dopo averli coperti, riporre in frigo per almeno sei ore, o per tutta la notte.

Per la salsa, tritare il cioccolato, portare a ebollizione la panna e versarla sul cioccolato. Mescolare fino ad ottenere una salsa scura e vellutata, senza grumi.

Sformare le bavaresi e decorare con la salsa tiepida. Decorare la bavarese al caffè senza uova con un po’ di granella di pistacchio o di nocciola e servire. Buon appetito.

L’ABBINAMENTO: Con questo dolce suggeriamo una grappa del Trentino invecchiata in barrique, ottenuta dai vitigni Marzemino e Teroldego (uve a bacca rossa molto diffusa in tutta la regione). L’abbiamo provata con la “Giori Super”, prodotta dalla distilleria Giori, che la fa invecchiare in piccole botti di rovere. Gli aromi della grappa (vaniglia, caffè) si uniscono a quelli della bavarese, in un abbinamento per concordanza. Al gusto, la struttura alcolica di questo distillato italiano smorza la grassezza del dolce, regalando equilibrio e preparando il palato a un nuovo boccone. La grappa invecchiata non va servita fredda, ma a temperatura tra 16 e 18 gradi.

Dai una occhiata anche a...

2 comments

elisabetta corbetta 9 dicembre 2018 at 08:50

Deliziosa
Un bacione

Reply
Ada Parisi 10 dicembre 2018 at 14:34

grazie!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.