Apple pie (torta di mele americana)

Chi da piccolo leggeva le storie di Topolino la riconoscerà immediatamente: oggi la ricetta della torta di mele di Nonna Papera, la tradizionale Apple Pie. Uno scrigno di pasta croccante e burrosa, leggermente salata, che contiene un mare di mele, acidule, morbide ma non sfatte. Pur non amando molto le mele come frutto, sono una appassionata di dolci a base di mele perché questo frutto, in cottura, si trasforma completamente. Dalla classica torta di mele della mamma, un mio cavallo di battaglia da sempre, passando per le mele al forno ripiene, la crostata di mele e crema, la torta di mele light, potrei preparare un dolce con le mele ogni giorno e non averne mai abbastanza. Veniamo alla ricetta di oggi: questa è la Apple pie americana, senza uova, ricca di mele (quelle più indicate sono le Granny Smith e le Golden Delicious, ma anche le Renette sono un buon sostituto, e vi consiglio di usarne almeno due tipi e mai solo uno), dal gusto non troppo dolce, perfetta se servita tiepida e accompagnata da un po’ di gelato alla vaniglia. Non è difficile da fare, ma la pie crust, ovvero questa sablèe ricchissima di burro e senza uova, richiede qualche piccola attenzione: il burro e l’acqua necessari all’impasto devono essere freddissimi, dovete lavorare l’impasto con la punta delle dita per non scaldarlo troppo e dovete mettere un bel pizzico di sale, perché il bello di questo dolce sta proprio nel perfetto rapporto tra il sale e lo zucchero. Vi suggerisco di preparare la Apple pie e mangiarla nella stessa giornata, perché poi la pasta frolla perde croccantezza. Se, però, non riuscite a finirla tutta, potete conservarla in frigorifero e riscaldarla (sempre) prima di mangiarla. E ora vi auguro buona giornata!

APPLE PIE (ricetta originale americana)

Print This
PORZIONI: 6 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • PER LA BASE (PIE CRUST):
  • 350 grammi di farina 00
  • 30 grammi di zucchero semolato
  • una presa abbondante di sale fino
  • 215 grammi di burro freddo
  • 90 millilitri di acqua ghiacciata
  • PER IL RIPIENO:
  • 6 mele Delicious e Granny Smith
  • 80 grammi di zucchero semolato
  • il succo di un limone biologico
  • cannella, quanto basta
  • scorza di limone biologico grattugiata, quanto basta
  • 20 grammi di farina 00
  • un pizzico di sale fino
  • E ANCORA:
  • un tuorlo
  • 15 millilitri di latte intero
  • zucchero semolato o di canna, quanto basta

PROCEDIMENTO


Apple pie, ricetta originale

Per preparare l’impasto della apple pie, mescolare sul piano da lavoro o in una ciotola capiente la farina, il sale e lo zucchero. Poi aggiungere il burro freddissimo tagliato a dadini e iniziare a impastare con la punta delle dita fino ad ottenere un composto composto da briciole. Potete anche utilizzare un cutter, in modo da non scaldare eccessivamente il burro lavorandolo. A questo punto, aggiungere l’acqua, che deve essere ghiacciata (io la metto per 10 minuti in congelatore). Versate l’acqua piano piano, perché potrebbe anche non servirvi tutta. Impastate velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Avvolgere il panetto in pellicola per alimenti e conservare in frigorifero per almeno un’ora.

Per la farcia della apple pie, lavare le mele, sbucciarle, eliminare il torsolo e tagliarle a fettine non troppo sottili. Mettere le mele in una ciotola capiente, aggiungere il sale, lo zucchero, la cannella e il succo di limone. Coprire con pellicola per alimenti e lasciare macerare per almeno 30 minuti. Trascorso il tempo di riposo delle mele, scolarle dal liquido di vegetazione in eccesso e aggiungere la farina, mescolando in modo da distribuirla bene.

Preriscaldare il forno a 200 gradi statico. Imburrare e infarinare una tortiera a bordi alti (per la apple pie tradizionalmente se ne usa una a bordi svasati, anche in ceramica). Dividere l’impasto in due parti e rivestire i bordi e il fondo della tortiera, facendo in modo che l’impasto ecceda dai bordi, così da sigillare il dolce più facilmente.

Bucherellare il fondo del dolce con una forchetta e versarvi le mele. Le mele devono essere abbondanti e formare una sorta di cupola nella tortiera, così da non perdere poi la forma in cottura. Stendere la pie crust rimasta con il mattarello e ricoprire le mele. Sigillare il dolce ripiegando i bordi verso l’interno. Se volete, potete rifilare semplicemente l’impasto in eccesso, oppure potete ripiegarlo verso l’interno, pizzicandolo al contempo con le dita, per ottenere un bordo ondulato come quello che vedete in foto.


Apple pie, ricetta originale

Mescolare il tuorlo con il latte e spennellare con cura l’intera apple pie, poi spolverizzare con lo zucchero semolato (anche di canna). Infine, con un coltello affilato, praticare sulla superficie del dolce dei tagli profondi, in modo che il vapore creato dalle mele in cottura fuoriesca completamente. Mi raccomando, tagliate in profondità e bene, perché altrimenti il dolce all’interno risulterà acquoso.

Cuocere la apple pie per 30 minuti, poi abbassare la temperatura del forno a 180 gradi e proseguire la cottura per altri 30 minuti o finché la apple pie non sarà uniformemente dorata. Sfornare e lasciare raffreddare.

La apple pie, a mio modesto parere, è buonissima servita leggermente tiepida, da sola oppure con un po’ di gelato alla vaniglia o di crema inglese. Buona merenda!

La ricetta originale della apple pie, la torta americana tutta mele che spopola ovunque

SUGGERIMENTI

Questo dose di pie crust (impasto per pie) è sufficiente per rivestire una tortiera di 20 centimetri di diametro e ricoprire l'apple pie, ma potete usarlo anche per preparare due crostate non coperte, perché è un'ottima base anche per crostate con la confettura. Questo impasto si può anche surgelare, avvolto con cura nella pellicola per alimenti, ed utilizzare entro un mese dopo averlo decongelato in frigorifero per 12 ore.

La ricetta originale della apple pie, la torta americana tutta mele che spopola ovunque

Dai una occhiata anche a...

8 comments

matilde di pietro 28 ottobre 2018 at 09:01

Buogiorno Ada ti scrivo solo per dirti grazie, mille volte grazie. Io adoro cucinare, le tue ricette sanno di sole, di terra Italiana, di Sicilia e non solo.
Vivo in Francia quindi non sempre è facile trovare gli ingredienti, spesso sono costretta ad assassinare le tue ricette, con dei succedani ma sempre con passione e amore.
Quando le mie figlie erano piccole spesso mi chiedevano : mamma ma come cucini, la torta, la pasta?. Io immancabilmente rispondevo con tanto amore.
Le foto sono bellissime, spesso utilizzi dei piatti con i disegni di caltagirone….
Complimenti al tuo compagno per le foto, se ho capito bene è sardo, un’altra terra che conosco bene, sopratutto la Barbagia.
Grazie di cuore perchè quando apro la posta la mattina mi portate una ventata di profumi della mia amatissima terra.
Salutami Roma la mia città
Un abbraccio e scusa la confidenza ma viene dal cuore.
Matilde

Reply
Ada Parisi 29 ottobre 2018 at 11:17

Ciao Matilde, mail come le tue sono il motivo per cui ho aperto questo sito e lavoro e fatico (tanto) per pubblicare ricette e itinerari ben fatti. E’ una grande fatica, te lo confesso, e dietro c’è un enorme lavoro (considera che entrambi abbiamo un lavoro ‘vero’ a tempo pieno), ma mail come la tua mi ripagano davvero di tutto. E tutto quello che faccio anche io è fatto con amore. Amo anche la Francia, spero vorrai leggere l’itinerario sulla Champagne che pubblicherò in settimana, mi sono innamorata di quelle colline vitate. Un carissimo saluto, Ada

Reply
Caterina 27 ottobre 2018 at 18:20

Ciao Ada. Ti ho scoperta e non ti mollo più da palermitana DOC quale sono! 🙂 Ti ammiro davvero tanto, sei molto chiara e precisa nelle tue spiegazioni e le foto… parlano da sole! Una domanda a proposito della tua Apple pie: e se sostituissi i 20 gr, di farina che vanno nelle mele con
uguale quantità di farina di nocciole o di mandorle… che dici, potrei?

Reply
Ada Parisi 27 ottobre 2018 at 18:46

Ciao Caterina! Sono felicissima di averti qui, la mia mamma è palermitana e Palermo è il mio luogo del cuore. Allora, se vuoi sostituire la farina perché sei celiaca o intollerante al glutine, ti consiglio di utilizzare semplicemente della maizens o della fecola di patate. Lo scopo dell’amido è di fare rapprendere leggermente l’acqua che esce dalle mele, e non avere così una farcia un po’ troppo brodosa. Quindi, se tu usassi nocciole o mandorle, non avendo glutine, non avrebbero lo stesso scopo. La maizena, l’amido di mais, invece non hanno glutine ma sono un legante naturale. Fammi sapere se l’alternativa ti convince, Ada.

Reply
Caterina 28 ottobre 2018 at 12:00

… grazie per la sollecita e gentile risposta. Non sono celiaca e non ho riflettuto abbastanza. Hai ragione, il principio è lo stesso per cui si aggiunge la mollica tostata all’impasto dello strudel.. ok, vada per la farina 🙂 grazie, alla prossima tua creazione… resto in trepidante attesa 😉

Reply
Ada Parisi 29 ottobre 2018 at 11:13

Ciao Caterina, esatto, hai capito perfettamente l’uso della farina, ma puoi usare anche la maizena o la fecola, hanno davvero lo stesso uso. Fammi sapere se la provi, un caro saluto. Ada

Reply
elisabetta corbetta 26 ottobre 2018 at 08:45

Che meraviglia, avevo ho tante mele in casa e volevo proprio prepararla questa torta
Grazie
Un bacione

Reply
Ada Parisi 27 ottobre 2018 at 18:42

Allora aspetto foto!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.