Spezzatino di maiale alle spezie con cipolline, mele e patate

  • spezzatinomaialeemele
  • spezzatinomaialeemele2

Sono felice di annunciare che mi sono iscritta all’Mtchallenge, una sorta di sfida tra foodblogger che preparano ogni mese la stessa ricetta personalizzandola. E sono ancora più felice perché la prima sfida che io affronto, la 35esima di Mtchallenge,  verte su un piatto che amo: lo spezzatino. La preparazione prevede alcuni vincoli: la cottura a fuoco lento, la presenza di almeno un ortaggio all’interno e quella di un ‘accompagnamento’ del piatto, ossia un pane, dei grissini, della polenta, del riso o altro. Se avete un poco imparato a conoscermi, saprete già che non potevo fare un spezzatino che non avesse un tocco diverso e un po’ di Sicilia. Ecco quindi il mio spezzatino di maiale speziato con mele, patate e cipolline borettane: un tocco leggermente agrodolce dato da una marinatura in uno spumante rosè con zucchero, cannella, chiodi di garofano, alloro e acuito da una dose generosa di uvetta e pinoli. L’accompagnamento? Ovviamente una pagnottella di grano russello integrale con cipolle fresche di Tropea e origano fresco, con tutto l’aroma del Sud!

Ingredienti per 4 persone: 

  • un chilogrammo di spalla di maiale
  • 6 patate grandi
  • 20 cipolline borettane
  • una cipolla di Tropea
  • 2 mele gialle
  • erba cipollina quanto basta
  • 2 foglie di alloro
  • sale quanto basta
  • un pezzetto di peperoncino fresco
  • 20 grammi di uvetta passa
  • 20 grammi di pinoli tostati
  • 1 cucchiaio di paprika dolce
  • una striscia di zenzero lunga circa tre centimetri
  • 2 chiodi di garofano
  • una stecca di cannella
  • un pizzico di noce moscata
  • un pizzico di cannella
  • 750 millilitri di spumante rosè (ho usato un Bardolino Chiaretto)
  • 500 millilitri circa di brodo di carne o di pollo o vegetale (io tengo nel surgelatore i fondi, ma se non ne avete e non riuscite a fare neanche il brodo vegetale con una cipolla, una carota e una costa di sedano potete anche usare il dado)
  • 10 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • farina quanto basta per infarinare il maiale
  • 20 grammi di burro

per l’accompagnamento, 4 o più pagnottelle alla cipolla fresca di Tropea e origano fresco

Il maiale, tagliato a pezzetti di circa 2,5 centimetri, va marinato con il vino (tenetene da parte 200 millilitri per la cottura), la cannella, la noce moscata, una foglia di alloro, lo zenzero a fettine, lo zucchero e i chiodi di garofano per almeno 2-3 ore. Una volta trascorso questo tempo, scolarlo bene dalla marinata e passarlo nella farina. Affettare sottilmente la cipolla di Tropea. Mettere 7-8 cucchiai di olio evo in un tegame capiente (io ne ho usato uno di coccio) e rosolarvi il maiale con cura, finché non sarà dorato da tutti i lati. Unire la cipolla e soffriggerla con la carne, poi aggiungere il peperoncino, i pinoli, l’uvetta, la paprika, la foglia di alloro e, a fuoco alto, il vino. Fare spumare, salare e unire il brodo già caldo. Coprire e lasciare cuocere a fuoco basso per 45 minuti circa, eventualmente aggiungendo ulteriore brodo durante la cottura.

Nel frattempo, pelare le patate e tagliare in pezzi non troppo piccoli, pulire le cipolline borettane e rosolare patate e cipolline nell’olio da ogni lato, finché non saranno dorate e con una crosticina croccante. Salare leggermente e metterle da parte, perché finiranno la cottura nello spezzatino. Sbucciare la mela, dividerla a metà, eliminare torsolo e picciolo e farla a spicchi e poi a dadini, quindi rosolarla a fuoco alto nel burro con un pizzico di zucchero e uno di cannella finché non sarà dorata e caramellata, quindi metterla da parte. Dopo che la carne avrà cotto 45 minuti e sarà ormai tenera, unire le patate e lasciare cuocere per altri 30 minuti circa, quindi aggiungere le cipolline e fare cuocere altri 15 minuti e infine unire le mele a pezzetti e lasciare cuocere altri 5-10 minuti. Fare riposare lo spezzatino per qualche minuto, in modo che i sapori si amalgamino bene.

Servire lo spezzatino guarnendo il piatto con un po’ di erba cipollina, il cui sapore fresco ben si abbina con i profumi speziati della carne. Accompagnate con le pagnottelle con cipolla fresca di Tropea e origano e buon appetito!

L’ABBINAMENTO: Nora, una birra egizia del birrificio piemontese Baladin, è il nostro abbinamento suggerito con questa ricetta. Questa birra bionda dalle sfumature di colore arancio, profuma di zenzero e di agrumi, si rivela fresca, piacevole e ben equilibrata.

 

17 Responses to Spezzatino di maiale alle spezie con cipolline, mele e patate

  1. mario ha detto:

    buongiorno…sono un italiano che se ne e’ andato in Canada a 60 anni e vivo in una fattoria spersa nelle Grandi Pianure, a un’ora dal centro piu’ vicino…oggi nevica di nuovo e non si puo’ certo lavorare in giardino…quindi ho cercato una ricetta su internet elencando un bel po’ di ingredienti e spezie ed e’ venuta fuori questa…Francamente dubitavo un po’ ..temevo uscisse fuori qualcosa di ‘indiano’ …invece mi sento in obbligo di scrivervi perche’ e’ di una squisitezza incredibile! Ovviamente le cipolline borettane non le ho trovate e le ho dovute sostituire con degli scalogni…e invece dello spumante ho usato un vinello leggero….comunque e’ buonissimo.complimenti ancora…vi seguiro’ con attenzione.

    • Siciliani creativi in cucina ha detto:

      Ciao Mario, non sai che piacere leggere il tuo commento! E’ per parole come le tue che adoro avere questo blog, che mi porta tanta fatica ma anche tante soddisfazioni! Sono felice che ti piaccia, sono siciliana e la cucina ‘fusion’ all’italiana da parte del mio dna, e amo molto studiare le cucine di altri paesi, da qui la grande quantità di spezie che utilizzo. Ti auguro una buona Pasqua, Ada

  2. Mapi ha detto:

    Questo spezzatino è una sinfonia di profumi e di sapori, di consistenze e di felicità.
    Meraviglioso, come meravigliosa è la Terra di Sicilia!!!! 😀

    • Siciliani creativi in cucina ha detto:

      Grazie Mapi e benvenuta nel mio blog!! E grazie per i complimenti alla mia terra, che porto sempre nel cuore!!! Ada

  3. lara ha detto:

    me lo mangerei in 30 secondi…

  4. vaty ha detto:

    che esordio Ada e che proposta piena della tua passione culinaria!!! l’aspetto è godurioso, brava!

  5. daniela ha detto:

    E’ una doppia fortuna allora : per te, iniziare con un piatto perfettamente nelle tue corde, per noi poterne godere tutta la bontà, già a cominciare dal pane che hai pensato per l’accompagnamento….per non parlare del resto….
    Esordio interessantissimo…
    Daniela

    • Siciliani creativi in cucina ha detto:

      Ciao Daniela, benvenuta! Si, diciamo che ho veramente avuto fortuna! Un altro piatto di carne per me sarebbe stata una prova più difficile da affrontare! Con il pane e i carboidrati, invece, purtroppo vado a braccetto 🙂 Un caro saluto, Ada

  6. tamara ha detto:

    ottima preparazione carissima Ada, aromi e sapori da togliere il respiro, quelle cipolline le adoro…un abbraccio

  7. Roberta ha detto:

    Oh mamma!!….sono senza parole, davvero….non so da che parte cominciare a commentare questa ricetta fantastica. Mi limito a farti i miei piu’ sinceri ed ammirati complimenti. Tornero’ spesso a trovarti e benvenuta in questo mondo di meravigliosi folli che e’ l?MTC!

    • Siciliani creativi in cucina ha detto:

      Ciao roberta e benvenuta! sono io a farti i complimenti per la passione che metti tu con le altre nella cucina e in questa sfida che e’ ưn bellissimo modo di imparare insieme!

  8. alessandra ha detto:

    mi gira la testa, ci credi? e di sicuro un po’ di responsabilità ce l’ha lo spumante rosé della marinata, raffinatissima e inconsueta. Ma non vorrei trascurare il fondo che custodisci nel freezer, il mix di spezie che abbini all’agrodolce, questo continuo premere un po’ alla volta sull’acceleratore dei sapori, come se stessimo salendo lentamente in cima ad una montagna e solo una volta in cima ci rendessimo conto di quanta strada abbiamo fatto e di quanto in alto siamo arrivati. D’altronde, la cucina siciliana è così: sontuosa ma mai esagerata, ricca, ma sempre equilibrata, un continuo atto di amore con cui un popolo così generoso come solo il tuo sa essere accoglie gli invitati alla sua tavola. Qui, però, c’è tanto di tuo: e non puoi immaginare quanto sia emozionata e commossa, per averti fra noi. Grazie davvero!

    • Siciliani creativi in cucina ha detto:

      Alessandra oddio mi imbarazzo!però ti ringrazio perche’ hai messo in luce delle cose che mi sono veramente care: il legame con la mia terra, la ricerca dell’ equilibrio tra sapori insoliti, per gli abbinamenti agrodolci…hai proprio capito la mia cucina che ddvd fafe molta straca, ma con tanta voglia di imparare. Non sai che gioia essere tra voi!!!!

  9. Chiara ha detto:

    Che meraviglia di ricetta!!Devo dire che la tua sicilia c’è tutta, l’uso sapiente delle spezie, l’agrodolce dato dalla marinata e dalla frutta secca. Bella ricetta, complessa nei sapori ma allo stesso tempo ben bilanciata. Mi piace l’aggiunta delle mele che in cottura si sfanno e vanno a confondersi con il fondo, l’uso della carne di maiale (che ben si abbina con le mele) e delle cipolline borrettane, che non vengono usate molto spesso (almeno da me!). Grazie per questa bella ricetta.
    Chiara

    • Siciliani creativi in cucina ha detto:

      Ciao Chiara, grazie mille. E benvenuta nel mio blog. Per me è un piacere partecipare al MTC. Sono lieta di concorrere proprio con questa ricetta che è una tra le mie preferite. Ada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *