Bewertungen: das Erbe der “Pai” in der Küche von Nicholas Chan

Spaziergang durch die Straßen der mittelalterlichen Stadt von Acqui Terme, im historischen Zentrum, ein paar Schritte vom Dom und der "Hot", die Quelle des Thermalwassers fließt durch das Rauchen bei fast 75 Grad (die Dynamik in Touch gebremst, weil Sie verbrennen würde), Sie können mit einem 18. Jahrhundert konfrontiert werden, Haus, Gelb, umgeben Sie mit zwei kleine Türen, die auf einer engen Straße gepflastert öffnen: nicht ohne Grund weiter, vor allem wenn Sie nahe am Mittag oder Abendessen, Sie haben ein Restaurant wo wirklich Wert Halt gefunden.. Und’ die Neue Pai, geheimnisvolle offenbar zu nennen, aber er will eigentlich nur festzustellen, Distanz und Nähe, zur gleichen Zeit, mit die kulinarischen Tradition weitermachte, von der historischen Familie Köche von Pai, Seit 1933. In der Küche, in diesem Club ab 2012 geöffnet, Es ist die junge Nicholas Chan, Preeti Pais Neffe, Sie beschlossen, die reinste piemontesischen kulinarische Tradition zu heiraten, in Kombination mit einem qualitativ hochwertigen Umfeld: zwei lounges (, separate und unverbunden, im ersten Stock, mit ein schönen gewölbten Keller und Ziegel auf den Blick, der zweiten in die erste Etage, mit einer schönen Holzdecke und hohen Türen des vierzehnten Jahrhunderts gemalt. Neben Niccolò ist Sommelier aus dem Fernen Osten, Keiko Yamada, Wer betreibt eine sehr gut sortierte Weinkarte, mit so vielen Referenzen von Piemont (sogar die seltenen Timorasso) und mehrere Vorschläge von Frankreich.

Parliamo subito del rapporto qualità prezzo, decisamente più che corretto: antipasti e primi piatti tutti democraticamente a 10 euro, secondo piatti da 14 a 15 euro, un carrello dei formaggi strepitoso (8-14 euro a porzione, a seconda della quantità) e una proposta del giorno più che conveniente che, al costo di 35 euro, offre carne cruda monferrina e vitello tonnato come antipasto, gli imperdibili agnolotti Monferrini e un piatto di pesce, che testimonia il fortissimo legame con la vicina Liguria, lo stoccafisso alla acquese. Per chiudere: la degustazione i formaggi o un dessert. Le porzioni sono giuste, la presentazione semplice ma elegante, anche se quello che vale di più sono i sapori: bilanciati, equilibrati, nel solco della tradizione piemontese, ma appena alleggeriti.

Und’ da poco che ho scoperto di avere una passione per le animelle (ghiandole che si ottengono dai maiali, dagli ovini e dai bovini). E al Nuovo Parisio ho assaggiato forse le più buone di sempre: preparate con i carciofi e un goccio di Marsala che io, von guten siciliana, ho riconosciuto immediatamente. Tenerissime le animelle, croccanti i carciofi, per nulla salata la salsa. Il tutto accompagnato con pane e con focaccia, realizzati tutti i giorni dalla brigata di cucina. Solo i grissini, serviti a inizio pasto, sono acquistati da un fornitore esterno. Ho apprezzato anche la scelta dei grissini, perché erano davvero ben realizzati. In Papier, anche il tonno di coniglio, la carne cruda alla monferrina e il vitello tonnato: Kurz gesagt, alcuni dei grandi classici piemontesi.

Gesehen, dass, nel mio fine settimana ad Acqui Terme (a inizio di marzo), le temperature sono state particolarmente fredde, al ristorante Il Nuovo Parisio ho potuto apprezzare piatti tipicamente invernali come ilCapunet”, una ricetta povera preparata originariamente con gli avanzi della carne lessa, che veniva tritata, condita e trasformata in una farcia per degli involtini di verza, che vengono accompagnati da una semplice salsa di pomodoro, ovvero la tradizionaleconserva” Oma. Per quanto riguarda il pesce, unter den Startern, il ristorante “Neue Pai” propone il baccalà in pastella con una crema di patate e scalogno.

Als ersten Gang, ho ceduto al richiamo di gnocchi di patate verdi, hausgemachte, e conditi con una fonduta di formaggio Bra duro e guanciale croccante (azienda D’Osvaldo): un piatto ipercalorico ma di grande temperamento. Morbidi ma sodi gli gnocchi, croccante e ben sgrassato il guanciale, con il suo sentore affumicato, ma soprattutto buonissima la fonduta di formaggio Bra che per me, amante dei formaggi, è una tentazione irresistibile. In carta anche altri ‘must eatdella cucina piemontese: agnolotti alla Monferrina, tajarin con ragù d’anatra, ravioli con fonduta di alpeggio. E una piccola incursione in Valle d’Aosta con le crespelle alla valdostana.

Particolari icannelloni alla Parisio”, uno dei vanti del locale: molto più piccoli del solito (mi hanno ricordato i cannelloni di Cameri, nel novarese), con una salsa bechamel molto leggera e un ripieno a base di carne di vitello. Un piatto delicato, molto più leggero rispetto ai normali cannelloni. Con i primi piatti, abbiamo abbinato un vino Albarossa della cantina Podere Luciano 2011 (19 euro).

Tra i secondi piatti, abbiamo scelto lo stoccafisso all’acquese, un piatto tipico del luogo che richiama ancora una volta il forte legame con la Liguria, cucinato in bianco con patate, Pinienkerne, prezzemolo e olive taggiasche. Un gusto delicato ma saporito insieme e, vor allem, un ottimo equilibrio dal punto di vista del sale. In Papier, altre proposte classiche piemontesi con animali da cortile, come la faraona in casseruola e la coscia di coniglio farcita con i carciofi, e piccole incursioni nella vicina Lombardia con la cotoletta alla milanese (preparata espressa) e l’ossobuco in gremolada con purea di patate.

Offensichtlich, non avrei mai potuto evitare il carrello dei formaggi. Ho evitato con uno sforzo immane di volontà il gorgonzola Dop al cucchiaio, mio punto debole, per dedicarmi alla sottile differenza tra robiola Dop di Roccaverano fresca e affinata, robiola alla cenere vegetale, un blu di capra del Monviso, un blu di capra stagionato e un buonissimo Stilton. I formaggi erano serviti con una sfiziosa mostarda di peperoni rossi.

Veniamo al dolce: ho scelto di assaggiare il dolce simbolo del ristorante, die “Speciale P. P.”, una ricetta inventata dal nonno di Niccolò, Piero Parisio: crema fredda di zabaione servita con cioccolato fuso e gelato alla vaniglia. Golosissimo. In Papier, anche panna cotta con pere al Moscato e diversi gusti di gelato artigianale.

Una menzione particolare per il servizio in sala del ristorante Nuovo Parisio: altamente professionale, molto attento, senza mai essere sussiegoso. Sia il sommelier, sia il maitre di sala sono stati bravi, prodighi di spiegazioni e cortesi. Inutile dire, an dieser Stelle, che il ristorante Nuovo Parisio è consigliatissimo.

(visitato nel marzo 2017)

Geschrieben von::

Veröffentlicht am: 19. März 2017

Unter gefüllt: Bewertungen zu der Unterkunft

Ansichten: 994

Tags: , ,

Hinterlasse eine Antwort

Ihre e-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind markiert *