Natale 2017, il mio menu di terra tra verdure e carne

Buongiorno! Ed eccoci al secondo appuntamento con i menu per le feste: dopo quello di pesce che segue la tradizione del Cenone nel Sud Italia, oggi arriva quello di terra, un mix tra verdure e carne per chi il pesce non lo ama o, magari vive in zone dove è difficile procurarselo (guardate anche il menu creativo e quello vegetariano). Visto che quello di terra è solitamente un menu ricco di calorie, ho deciso per un antipasto leggerissimo, i carciofi alla romana. Si prosegue, però, con due calibri da novanta: le pappardelle al ragù di agnello e carciofi e il leggendario sartù di riso. Poi, arriva il re di questo pasto: il coniglio ripieno, un secondo piatto golosissimo ed elegante, che ipnotizzerà i vostri commensali con la sua gustosa spirale colorata, abbinato a morbidi finocchi gratinati. Infine, oltre ai dolcetti per il dopo mezzanotte, ho scelto un dessert al cucchiaio ricco ma con una spiccata nota acida, che aiuti a sgrassare la bocca da tutto quello che è arrivato in tavola: la panna cotta con frutto della passione e pistacchio. Come sempre, per arrivare direttamente alla ricetta vi basta cliccare sul nome oppure sulla foto. Spero di avervi dato qualche idea utile, ci si rivede al prossimo menu, quello vegetariano!

ANTIPASTO: Non volevo iniziare un menu ad alto tasso di calorie con un antipasto che ‘spezzasse le reni’ ai commensali, quindi ho optato per qualcosa di semplice e leggero: i carciofi alla romana. Un piatto squisito, che valorizza il gusto del carciofo (usate i violetti o le mammole romane) e profuma di menta. Il segreto sta nel condirlo sul momento con un filo di olio extravergine di oliva, ovviamente di nuova spremitura e ovviamente di qualità eccellente.

PRIMO DI PASTA: come primo di pasta ho scelto un piatto golosissimo, le pappardelle all’uovo con ragù di agnello, carciofi e ricotta affumicata. La pasta potete farla in casa (solo così vi verrà di questo spessore) o comprarla secca o fresca, e il ragù si può tranquillamente preparare il giorno precedente, anzi, risulterà più saporito. Per me il ragù è da sempre il piatto delle feste e queste pappardelle sono un tripudio di gusto.

PRIMO DI RISO: l’alternativa che vi propongo come primo di riso (ma io spesso servo entrambi i primi piatti in modiche quantità, perché se deve essere un Cenone allora Cenone sia) è uno dei piatti principe del sud Italia: il sartù di riso al forno. Uno scrigno di riso dorato che contiene ragù, provola, piselli, uova sode (e c’è chi aggiunge anche prosciutto cotto o polpettine). In Sicilia è un classico piatto delle feste, e lo è ancora di più nel napoletano, dove il sartù di riso è una vera e propria arte. Ovviamente si può preparare in anticipo ma dovete tenervi molto, molto bassi sulla prima cottura del riso e scolarlo quasi crudo, altrimenti poi con la seconda cottura in forno e l’attesa diventerà scotto.

SECONDO: non avrei potuto non scegliere per questo menu di carne uno dei piatti che io stessa preparerò per le feste: il coniglio ripieno. Un secondo di carne che piacerà anche a chi la carne non la ama tanto, perché la carne (bianca per giunta) è una striscia sottilissima che serve a circondare un ripieno davvero goloso: spinaci, formaggio, pancetta e frittata. Il tutto glassato con una salsa densa e saporita. Anche questo è un piatto tradizionale siciliano delle feste e, sulla mia tavola, non manca mai.

Coniglio ripieno

CONTORNO: come contorno, per chi volesse davvero strafare, vi consiglio dei morbidi finocchi gratinati con bechamel e pistacchio croccante. Aromatici, freschi, ma con quel gusto in più dato dalla gratinatura.

DESSERT: il dolce che abbinerei a questa cena è un dolce goloso ma con una forte nota acidula, in modo da pulire la bocca dal grasso di carne, salse e ragù: la panna cotta al cioccolato bianco e frutto della passione. E’ proprio il maracuja (o frutto della passione) il protagonista di questo dessert al cucchiaio: la sua nota fruttata, acidula e intensa è perfetta anche in caso di cene abbondanti, e la panna cotta si può tranquillamente preparare in anticipo, così arrivati al dolce sarete rilassati. Come negli altri menu, vi consiglio anche di preparare piccoli dolcetti per il dopo brindisi, il salame di cioccolato e frutta secca e i tartufini al tahini e fior di sale, che potrete anche regalare ai vostri ospiti.

Dai una occhiata anche a...

2 comments

elisabetta 14 dicembre 2017 at 10:05

Che pranzo da chef tra pistacchi, cioccolato e carciofi!!!!!
Bravissima
Un abbraccio

Reply
Ada Parisi 15 dicembre 2017 at 11:53

Spero di averti dato qualche idea! Un abbraccio Elisabetta!
Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.