Crostatine di albicocche fresche (apricot pie)

Sapete qual è per me la parte migliore dell’estate? La frutta fresca. Tra tutte le stagioni quella estiva per me è la più golosa: ciliegie, albicocche, pesche, prugne, meloni, angurie, uva. Con tutta questa frutta è impossibile non preparare qualche dolce sfizioso: ed ecco che oggi vi lascio la ricetta della crostata di albicocche fresche, che io ho fatto in versione mini ma che potete anche preparare come una crostata di dimensioni maggiori. L’impasto base è quello delle classiche pie anglosassoni, senza uova e con pochissimo zucchero, lo stesso che ho giù usato nella crostata di mirtilli freschi (blueberry pie) e nella meravigliosa crostata leggera di fragole (strawberry pie). Stavolta però ho mescolato farina 00 e farro, per un risultato più rustico e saporito. All’interno solo tante albicocche fresche, con pochissimo zucchero (ma la quantità dipende anche e soprattutto dalla dolcezza della frutta, quindi assaggiate). E’ il dolce perfetto per le colazioni estive (vorrei già essere in ferie in Sicilia, voi avete già programmato le vostre vacanze?), ma se volete renderlo un dessert elegante per un pranzo accompagnatelo con un po’ di gelato alla crema e qualche albicocca fresca. Buona giornata!

CROSTATINE DI ALBICOCCHE FRESCHE (dosi per 6 crostatine di 8 centimetri di diametro o per una tortiera di 24 centimetri circa)

Print This
PORZIONI: 8 TEMPO DI PREPARAZIONE: TEMPO DI COTTURA:

INGREDIENTI

  • PER LA BASE
  • 150 grammi di farina 00
  • 100 grammi di farina di farro
  • un pizzico di sale fino
  • 30 grammi di zucchero di canna
  • un cucchiaio di aceto di mele o di vino bianco
  • 120 grammi di burro freddo
  • una bacca di vaniglia Bourbon o un cucchiaino di estratto
  • acqua fredda, quanto basta (circa 80-100 millilitri)
  • burro e farina per la tortiera, quanto basta
  • PER LA FARCIA
  • 800 grammi di albicocche
  • 40 grammi di maizena
  • il succo di mezzo limone biologico
  • 80 grammi di zucchero
  • poca acqua fredda per sciogliere la maizena
  • zucchero semolato per cospargere la superficie del dolce

PROCEDIMENTO

Crostatine leggere di albicocche fresche (apricot pie)

Per la base. Mettere sul piano di lavoro la farina 00 e quella di farro, il burro freddo tagliato a dadini, un bel pizzico di sale e lo zucchero di canna. Impastare con la punta delle dita fino ad ottenere un composto a grosse briciole. Aggiungere l’aceto e tanta acqua quanta necessaria a ottenere un impasto compatto e abbastanza elastico. Avvolgere il panetto nella pellicola per alimenti e riporlo in frigorifero per almeno un’ora.

Per la composta di albicocche fresche. Lavare le albicocche, dividerle a metà ed eliminare il nocciolo. Tagliare a pezzetti e metterle in un tegame. Aggiungere il succo di limone e lo zucchero e portare il tutto a ebollizione a fuoco medio. Scioglier la maizena in pochissima acqua fredda e aggiungerla alle albicocche. Cuocere finché non vedrete che la composta si addensa. Lasciare raffreddare la composta a temperatura ambiente.

Imburrare e infarinare gli stampini per crostatine o una tortiera di 24 centimetri circa di diametro. Lavorando l’impasto sul piano di lavoro infarinato, tirare una sfoglia spessa 3-5 millimetri e rivestire il fondo e i lati della tortiera. Bucherellare delicatamente l’impasto con i rebbi di una forchetta. Versare nella tortiera la composta di albicocche e livellare la superficie con una spatola. Con l’impasto avanzato, decorate le crostatine come preferite: strisce, cuoricini, stelline. Potete usare semplicemente un coppa pasta o le formine per biscotti per ottenere il decoro che più vi piace. Spolverizzate la superficie della pasta brisée con un po’ di zucchero semolato, in modo da ottenere un aspetto rustico dopo la cottura.

Cuocere in forno statico a 190 gradi (preriscaldato) per 30 minuti (per le crostatine, circa 40 minuti per una crostata più grande). Lasciare intiepidire i dolci prima di servire. Sono buonissime accompagnate con gelato alla crema! Buon appetito!

SUGGERIMENTI

Se volete una idea originale, potete anche preparare le crostatine negli stampi per muffin: verranno un po' più alte e la farcitura sarà molto più ricca. E ovviamente dovrete cuocerle più a lungo.

Dai una occhiata anche a...

4 comments

Antonella 16 giugno 2018 at 07:24

Buongiorno Ada!
Appena ho un secondo, corro al mio alberello, raccolgo una coppa di albicocche e preparo questo dolce! Ho due domande, però.
– Ho della farina d’avena, va bene per sostituire quella di farro?
– L’aceto che funzione ha? Far restare chiaro l’impasto dopo la cottura come per le chiacchiere?
Ti farò sapere al primo assaggio!
Freschi saluti 🙂 Antonella

Reply
Ada Parisi 17 giugno 2018 at 22:48

Eccomi Antonella, si certo, puoi usare la farina di avena, è più dolce del farro. Ma puoi anche usare semplicemente la 00 come una normale pasta frolla. Quanto all’aceto, serve a rendere più friabile l’impasto. Cari saluti!

Reply
elisabetta corbetta 8 giugno 2018 at 08:43

Che buone, ottime per la colazione
Grazie
Un bacione

Reply
Ada Parisi 11 giugno 2018 at 15:26

Grazie Elisabetta, un abbraccio
Ada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.