Crema di zucca, carote e curcuma con funghi pioppini

  • cremazuccacurcumapioppini
  • cremazuccacurcumapioppini4
  • cremazuccacurcumapioppini2
  • cremazuccacurcumapioppini6

Crema di zucca, curcuma e carote con funghi pioppini: temo che la ricetta di oggi chiuda la stagione della zucca su questo sito, perché ormai siamo in primavera. E, a dirla tutta, quando l’ho preparata era fine febbraio. Però questa zuppa è così buona che voglio comunque proporvela, sperando che magari troviate ancora un pezzetto di zucca per provarla. Ho tratto ispirazione da una crema servitami in un ristorante a Roma, Bucavino, e ho aggiunto la curcuma, il Trentingrana Dop stagionato 24 mesi del Caseificio Primiero e i semi di zucca tostati per dare al piatto più carattere. Io la trovo deliziosa: la crema è dolce, i funghi pioppini carnosi e con il lieve retrogusto di bosco tipico dei funghi, i crostini danno una nota croccante. E poi, nonostante la zucca sia un ortaggio invernale, ha un colore così allegro che mi fa sorridere… Tra l’altro, è un piatto vegetariano e, se evitate il pecorino, anche vegano, leggero e gustoso. Vi ricordo anche che la curcuma fa bene e dovremmo usarla il più spesso possibile, non solo per il bel colore giallo vivo ma anche perché ha proprietà anti ossidanti, anti tumorali e anti infiammatorie. Che aspettate? Correte a cercare un po’ di zucca!!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 grammi di carote
  • 600 grammi di zucca
  • un pezzetto di curcuma
  • una patata di piccole dimensioni
  • uno scalogno
  • una costa piccola di sedano
  • 250 grammi di funghi pioppini
  • 200 grammi di pane casareccio per i crostini
  • semi di zucca, quanto basta
  • un pezzetto di peperoncino
  • sale e pepe, quanto basta
  • olio extravergine di oliva, quanto basta (ho usato l’olio extravergine dell’azienda Baldizzone)
  • Trentingrana stagionato 24 mesi Dop grattugiato, quanto basta
  • brodo vegetale (o acqua), quanto basta

 


Pelare le carote e togliere le estremità, pulire la zucca eliminando i semi e la buccia, pelare la curcuma e la patata e tagliare tutte le verdure a pezzi, pulire e tagliare a fettine lo scalogno e la costa di sedano.

Rosolare lo scalogno e il sedano in olio extravergine di oliva, quindi aggiungere il peperoncino, la curcuma, le carote, la patate e la zucca. Aggiungere il brodo vegetale fino a coprire le verdure, salare e cuocere finché le verdure non saranno tenere. Frullare la zuppa con un mini pimer fino a ottenere una crema liscia e vellutata e mettere da parte.

Pulire i funghi pioppini eliminando l’estremità del gambo, quindi sciacquarli velocemente e asciugarli con cura. Saltare a fuoco vivo i funghi in una padella con olio extravergine di oliva, sale e pepe: la cottura dovrà essere brevissima, perché i funghi devono restare croccanti.

Tagliare il pane a cubetti e tostarlo in una padella (se volete che sia più saporito potete aggiungere un filo di olio extravergine e un pizzico di sale), poi tostare leggermente anche i semi di zucca.

Riscaldare la crema, aggiustare eventualmente di sale e pepe, aggiungendo a fuoco spento il Trentingrana grattugiato a piacere e olio extravergine di oliva. Servire la crema di carote, zucca e curcuma guarnendola con i funghi pioppini saltati, i semi di zucca e ancora un po’ di pecorino grattugiato. E buon appetito!

L’OLIO CONSIGLIATO: Olio extravergine d’oliva dell’azienda Baldizzone, in Liguria. Un olio ottenuto dalla varietà Taggiasca, con profumi fruttati, tendenza dolce e senzazioni lievi di amaro e di piccante. Le piante si trovano a circa 500 metri di altitudine e, grazie a un clima particolarmente fresco nelle fasi di maturazione, le olive danno un olio con caratteristiche meno intense e più delicate.

L’ABBINAMENTO: Valdobbiadene Metodo Classico Docg. Abbiamo scelto “10”, prodotto dall’azienda Valdo Spumanti. Uno spumante ottenuto con uva “Glera”, che sosta sui lieviti per dieci mesi (tempo minimo), con netti sentori di crosta di pane e frutta bianca, dal perlage mai aggressivo, di discreta struttura ma allo stesso tempo di grande bevibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *