Uova
Category

  • Uovo pochè su carciofo, polenta e formaggio alle erbe


    Non so se la ricetta di oggi sia un antipasto o un secondo piatto, sicuramente è un piatto adatto a ospiti su cui volete fare colpo: carciofo in umido con uovo in camicia, su polenta mantecata al formaggio alle erbe (io uso quello del Caseificio Primiero, che ha il sapore dei pascoli trentini) e latte di mandorle tiepido. Non posso negare che sia una ricetta leggermente laboriosa, non tanto nelle preparazione quanto nella quantità di preparazioni, perché dovete fare i carciofi in umido, la polenta (assolutamente vietata quella istantanea, dotatevi di una vera polenta taragna), l’uovo in camicia. Il latte di mandorle basta solo scaldarlo con un pizzico di sale, pepe e noce moscata. Se però avrete la pazienza di arrivare alla fine, vi assicuro che il risultato vi piacerà, perché uova e carciofi si sa, vanno d’accordissimo, la polenta mantecata con il formaggio è cremosa e golosa e il latte di mandorla dà all’insieme una nota dolce ed elegante. Chissà che qualcuno di voi non abbia voglia di cimentarsi in un piatto diverso dal solito…
    Continue Reading

    29 marzo 2017 • Antipasti, Piatti vegetariani, Secondi, Uova • Views: 881

  • Il mio menù di Natale vegetariano


    Ed eccoci arrivati al tormentone natalizio, ovvero ai miei suggerimenti per i vostri menu delle feste. Ne ho preparati ben quattro, per tutti i gusti: uno vegetariano, che vi presento oggi, due più tradizionali (di carne e di pesce) e uno creativo per chi ama osare. Tutti i menu – da cui potete prendere spunto sia per il pranzo di Natale sia per il Cenone di Capodanno – sono elaborati con due antipasti, un primo piatto, un secondo e ben tre dolci: una torta comune a tutti i menù, la mia preferita di quest’anno, un dolce al cucchiaio e un gelato, in modo che possiate scegliere cosa preferite e studiare un menu che sia ricco, sofisticato ma anche gustoso. Il menu di oggi prevede alcuni dei piatti vegetariani che ho amato di più quest’anno, con un occhio al gusto e uno all’estetica, ovviamente cercando di rispettare la stagionalità degli ingredienti (carciofi, rape rosse, funghi porcini, zucca). La maggior parte delle preparazioni si può fare in anticipo, così da non trascorrere il giorno di festa affannati in cucina: in questo menu all’ultimo momento dovete solo friggere i funghi, riscaldare le lasagne e preparare le uova in camicia, per tutto il resto potete organizzarvi con ampio anticipo. Che dire, spero solo che troviate qualche idea che può interessarvi…
    Continue Reading

  • Acqua cotta alla maremmana

    Acqua cotta alla maremmana, ovvero l’arte di preparare una zuppa squisita cuocendo – letteramente – l’acqua con un po’ di odori e verdure dell’orto: carote, sedano, cipolle e pomodori. Un po’ di pane, raffermo ovviamente, un uovo e il gioco è fatto. Una ricetta che fa del riciclo una vera e propria arte, e che si inserisce nel filone delle zuppe povere che sono tradizione un po’ di tutta l’Italia. La ricetta che vi presento mi è stata data da una cara amica di Scansano, che è maremmana fino nel midollo: a lei è stata data da una signora scansanese nota per essere la custode della cucina tradizionale del luogo. Ho mangiato di recente l’acqua cotta a Manciano, in una trattoria che tra l’altro vi consiglio (Da Paolino), ed era identica a questa ricetta a eccezione dell’aggiunta di qualche foglia di bietola. Mi hanno spiegato che ci sono piccole variazioni in tutta la Maremma e, che altre anche sostanziali si trovano sparse in tutta la Regione, ma questa è la ricetta base. E vi assicuro che è strepitosa: la zuppa è leggermente acidula, il pane la rende densa e completa, il tuorlo fondente le dà una morbidezza in bocca eccezionale. Vi consiglio, anzi potrei dire vi obbligo, di prepararla il giorno prima perché ha bisogno di tempo perché tutti i sapori si leghino gli uni agli altri in un concerto armonico.

    Acquacotta alla maremmana

    Acquacotta alla maremmana

    Continue Reading

  • Uovo pochè su fonduta di robiola con fave, piselli e asparagi

    Se amate le uova e le verdure primaverili questa ricetta dovete proprio provarla. Intanto perché è semplice, poi perché è bella da vedere e infine perché è davvero buona. La fonduta di robiola esalta il gusto delle verdure, il tuorlo fondente si spande sugli asparagi, il crostino di pane e le mandorle danno quella nota croccante che tanto mi piace. Chi mi segue sa che per le uova ho un amore particolare, che le ritengo degne di essere vere protagoniste di un piatto, che sia un antipasto, una zuppa, un primo o un secondo piatto. E per l’uovo in camicia ho una preferenza evidente. Asparagi, fave e piselli freschi non dureranno ancora a lungo, quindi vi esorto davvero a provare questo piatto, che è perfetto anche per un brunch domenicale in alternativa alla solita omelette o alle pur ottime uova strapazzate con pancetta. Buona primavera a tutti!

    Uovo pochè su fonduta di robiola con fave, piselli e asparagi

    Uovo pochè su fonduta di robiola con fave, piselli e asparagi

    Continue Reading

    17 maggio 2016 • Antipasti, Piatti vegetariani, Secondi, Uova • Views: 3830

  • Quiche agli asparagi selvatici e zafferano

    Se avete la fortuna di trovare al mercato gli asparagi selvatici, o ancora meglio se riuscite a trovarli nei campi, andando a raccoglierli durante una passeggiata all’aria aperta, provate la ricetta di questa quiche agli asparagi. Volendo, potete prepararla anche con gli asparagi coltivati, ma il loro sapore ovviamente avrà una resa diversa con la ricchezza del burro, l’aroma dello zafferano e il grasso dell’uovo e del formaggio (io ho usato un Puzzone di Moena fatto solo con latte di malga del caseificio del Primiero, vi assicuro che è strepitoso). L’asparago selvatico, invece, con la sua punta amara e aromatica, sostiene perfettamente la quiche in un miracoloso equilibrio gustativo. Questi asparagi li ho raccolti in Sardegna nei monti vicino Dolianova: è stato divertente cercarli tra l’erba alta e poi cucinarli mi ha dato ancora più soddisfazione. Il matrimonio naturale dell’asparago è con l’uovo, e in questa quiche trovata tutto quello che esalta al massimo questa verdura primaverile eccellente. La pasta brisèe, molto facile da preparare, è fatta in casa: potete usare quella già pronta, ma davvero il risultato è molto, molto diverso. Potete servirla come secondo piatto con una insalata fresca, oppure tagliata a quadratini come aperitivo o finger food. E’ deliziosa. Vi auguro magnifiche passeggiate sotto il sole primaverile e cestini pieni di asparagi selvatici!

    Quiche agli asparagi selvatici

    Quiche agli asparagi selvatici

    Continue Reading