Piatti vegetariani
Category

  • Fresine con ricotta , noci e radicchio tardivo Igp

    Pasta con ricotta, noci e radicchio tardivo. Oggi un primo piatto facile, rapido e gustoso: un salva pranzo o salva cena che non vi farà rimpiangere preparazioni più complesse. La ricotta e le noci avvolgono le fresine (una sorta di linguine un po’ più grandi) con una crema saporita e aromatica, il radicchio resta croccante e ha una nota dolce e lievemente acidula (dovuta al vino con cui viene sfumato), il pane fritto dà quel tocco in più, croccante e gustoso. I tempi di preparazione: 15 minuti netti. E secondo me è un primo piatto di stagione perfetto anche per una cena veloce tra amici. Io ho utilizzato una pasta lunga, ma effettivamente credo che questo piatto renderebbe benissimo anche con rigatoni, mezzemaniche o casarecce. Se vi state chiedendo il perché di tante ricette con il radicchio tardivo rosso di Treviso Igp, è perché sono stata in una azienda che lo produce e lo vende on line e me ne sono stati regalati 3 chili, quindi mi sono sbizzarrita per utilizzarli al meglio. E ho scoperto che il radicchio tardivo, che ho sempre mangiato crudo o tutt’al più in un risotto, è invece estremamente versatile. E poi, fino ad aprile, è di stagione: un motivo in più per acquistarlo! Approfitto per segnalarvi, nel caso in cui l’aveste perso, articolo e video sulla produzione del radicchio tardivo Igp e la ricetta della confettura di radicchio e arance, che è davvero buona. Buona giornata!
    Continue Reading

    21 febbraio 2018 • Pasta, Piatti vegetariani, Primi piatti • Views: 746

  • Gnocchi di ricotta (al pomodoro)

    Gnocchi di ricotta. Li avete mai assaggiati? Facilissimi da fare, si preparano in 10 minuti e restano sempre morbidi. A differenza degli gnocchi di patate, che personalmente adoro, ma la cui riuscita dipende al 90% dalla qualità delle patate, gli gnocchi di ricotta vengono sempre bene: io uso la ricotta di pecora, più asciutta e saporita, ma potete usare anche quella vaccina (basta che la mettiate in un colapasta a perdere un po’ di liquido per qualche ora) e quella di capra. Gli gnocchi di ricotta si possono anche surgelare e consumare entro un paio di settimane, mettendoli in acqua ancora congelati. Sono perfetti con ogni tipo di sugo, da quelli più semplici come burro e salvia o pomodoro (secondo me perfetto, perché l’acidità del pomodoro contrasta con la dolcezza della ricotta) fino a sughi più complessi come ragù di carne. E potete anche prepararli alla sorrentina, con pomodoro e mozzarella, e metterli in forno senza timore che si disfino. Questa ricetta è uno dei miei jolly in cucina: gli gnocchi di ricotta piacciono a tutti, e visto che li preparerete con le vostre mani riuscirete a sorprendere gli ospiti con la vostra straordinaria abilità (basta che non raccontiate a tutti quanto sono semplici da preparare). Guardate il video tutorial sul procedimento, così potrete prepararli stasera stessa e, se vi va, iscrivetevi al mio canale You Tube per restare sempre aggiornati sulle video ricette. Buona giornata!
    Continue Reading

    7 febbraio 2018 • Pasta, Piatti vegetariani, Primi piatti, Senza categoria • Views: 1574

  • Pane di ricotta (pani de arrescottu)

    Panini di ricotta e zafferano. Oggi una ricetta tradizionale sarda che amo moltissimo: piccoli panini dalla crosta leggermente croccante, che nascondono un interno morbido, dal profumo di zafferano e al gusto intenso di ricotta di pecora. Ogni volta che vado in Sardegna, il “pani de arrescottu” è un rito: in estate li compro in un panificio di Settimo San Pietro e li porto in spiaggia, in inverno li mangio a casa o a colazione. I sardi vi direbbero che sono buoni così, da soli. Io vi dico che sono ottimi da soli, ma che si accompagnano altrettanto bene a formaggi morbidi come stracchino, robiola e camembert, ma anche ai salumi: come vedete, io li ho provati con una tradizionale salsiccia secca sarda. Sono molto, molto facili e veloci da preparare, anche se ovviamente i tempi dipendono dal lievito che sceglierete: vi lascio le dosi per il lievito di birra secco e fresco, ma anche per la preparazione con il lievito madre, che dona ai panini di ricotta un gusto leggermente più acido. Ovviamente, vi consiglio di usare la saporita ricotta di pecora, ma se preferite un gusto più delicato utilizzate quella vaccina. In entrambi i casi, vi lascio un solo consiglio: se la ricotta fosse troppo umida, tenetela un paio d’ore in uno scolapasta in modo da farle perdere i liquidi in eccesso. Buona giornata!
    Continue Reading

    31 gennaio 2018 • Piatti vegetariani, Pizze, torte rustiche e lievitati • Views: 1468

  • Tortelli con ricotta affumicata, sapa e nocciole


    Tortelli di ricotta con sapa, ossia mosto cotto! Una ricetta semplice e delicata, dedicata a chi ama la pasta ripiena in tutte le sue declinazioni: sono dei tortelli un po’ particolari, farciti con una semplicissima crema di ricotta di pecora e ricotta affumicata, conditi con un sugo a base di burro e sapa sarda, il mosto cotto. La ricotta affumicata – sapete ormai che io uso quella del caseificio Primiero, morbida, umida e cremosa, anche se dal gusto persistente – dà al piatto un tocco davvero particolare, mitigato dalla freschezza e dal sentore agrumato del limone. Ovviamente, potete usare qualsiasi ricotta affumicata o, se non amate questo gusto, anche una normale ricotta di pecora. Il condimento vira sul dolce, grazie alla sapa, che ha però anche una nota finale leggermente amara. La maggiorana e le nocciole profumano di sottobosco. E’ un piatto molto, molto semplice da preparare, anche se mi rendo conto che si tratta di un abbinamento di gusti non consueto. Che dire? Spero che vi piaccia.
    Continue Reading

    11 gennaio 2018 • Pasta, Piatti vegetariani, Primi piatti • Views: 1448

  • Risotto alla robiola con crema di zucca

    Risotto alla robiola con crema di zucca. Oggi un piatto facile ma elegante, dal gusto delicato. Il risotto cremoso e lievemente acido perché mantecato con la robiola, si sposa con una semplice crema di zucca aromatizzata con erbe aromatiche. Mi piace servirlo con i due elementi nello stesso piatto ma separati: basta mettere al centro del piatto un coppapasta e versavi la purea di zucca (che deve essere morbida ma non liquida) e poi versare al centro il risotto con un cucchiaio. Infine, togliete il coppapasta e il gioco è fatto: facilissimo ma originale. Il risotto, fatto con un Carnaroli (ma anche un Vialone Nano vi darà molta soddisfazione) cuoce semplicemente in acqua, per non coprire la delicata acidità della robiola, rafforzata dal Prosecco Docg con cui viene sfumato. Per scelta non ho usato altro formaggio in mantecatura, ma se preferite un gusto più intenso potete usare un Parmigiano Reggiano 36 mesi, consapevoli che andrete in parte a rafforzare la dolcezza della zucca. Ovviamente è anche un piatto vegetariano. E ora vi lascio andare a fare la spesa e vi auguro buona giornata!

    Continue Reading

    4 gennaio 2018 • Piatti vegetariani, Primi piatti, Riso • Views: 2206