Arrosto di vitello con tonno e acciughe

  • vitelloaltonnoLOGO
  • vitelloaltonnoLOGO2

Vi premetto che, sfortunatamente, gli arrosti non rendono benissimo in fotografia. Detto questo, vi suggerisco caldamente di provare questo piatto, perché è facilissimo da preparare, gustoso e diverso dal solito. E’ un arrosto di vitello con salsa di tonno e acciughe: in pratica, una versione rapida del vitello tonnato. L’unica accortezza è quella di salare poco la carne, perché il sugo – che viene frullato – è molto sapido vista la presenza di tonno sottolio e acciughe salate. Mi raccomando: gustatelo e non fotografatelo!

Arrosto di vitello con tonno e acciughe

Arrosto di vitello con tonno e acciughe

Ingredienti per 6 persone: 

  • 1,2 chili di fesa o sottofesa di vitello, già legata
  • 5 acciughe salate
  • 180 grammi di sottolio (peso sgocciolato)
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 foglie di salvia
  • un rametto di rosmarino
  • sale e pepe quanto basta
  • una cipolla rossa di Tropea
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • 2 bicchieri di brodo vegetale

Tritare finemente la cipolla. Mettere in una ampia casseruola l’olio e rosolare la carne a fuoco alto, avendo cura di girarla bene da ogni lato finché non assume un colore dorato, in modo che la carne si sigilli e non perda liquidi in cottura. Una volta rosolata la fesa, mettere nel tegame la cipolla e lasciarla appassire a fuoco medio. Poi aggiungere la salvia e il rosmarino (potete tritarli o lasciarli interi, ma in questo caso dovrete ricordavi di toglierli a fine cottura) e sfumare con il vino. Lasciare evaporare per qualche minuto la parte alcolica e unire il brodo vegetale, salare (poco) e pepare. Cuocere a fuoco medio e coperto per 40 minuti.

Nel frattempo, dissalare le acciughe e tritarle grossolanamente. Sbriciolare il tonno sottolio (ben sgocciolato, mi raccomando) e unire il tutto all’arrosto di vitello. Fare cuocere altri 10 minuti (se il sugo fosse troppo liquido, terminate la cottura a tegame scoperto e a fuoco un po’ più alto). Mettere da parte la carne e lasciarla intiepidire e, nel frattempo, frullare il sugo con un pimer. Affettare la carne e servirla con il sugo di tonno e alici ben caldo, guarnendo il piatto con un po’ di salvia e rosmarino freschi.

L’ABBINAMENTO: Abbiamo scelto un vino bianco dell’Abruzzo per questo accostamento. E, in particolare, suggeriamo il Pecorino 2012 dell’azienda Tiberio, in provincia di Pescara: al naso si presenta con sentori di pompelmo e frutto della passione, il suo gusto è sapido con una buona mineralità.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *